Cerca

Lettere al Direttore

Lettera a Babbo Natale

Caro Babbo Natale, vorrei poter riuscire ad accedere ai negozi per fare la spesa senza difficoltà in entrata e in uscita. Mi spiego: quest'anno, per problemi di salute, mi è stato impiantato un neurostimolatore midollare “sensibile” a metaldetector e antitaccheggio. Cito a proposito le prescrizioni contenute nel passaporto paziente e nel manuale di istruzioni:”Dispositivi antifurto e metaldetector possono alterare la stimolazione. Avvicinarsi a tali dispositivi con cautela e chiedere aiuto per evitarli.”. Ogni volta spiego la mia situazione ai commessi e/o al personale di sicurezza (il tesserino non lo guardano e il passaporto non lo leggono) e, nella maggior parte dei casi, mi viene negato l'accesso perchè “non sono autorizzati a spegnere i meccanismi e non c'è altra possibilità di evitarli”. Addirittura in un caso mi è stato assicurato verbalmente che non fanno niente (non so con quale criterio e con quali competenze!!!). Raramente mi viene permesso l'accesso solo dopo interminabili attese perchè si devono informare da chi deve chiedere a chi sa chi può autorizzare e con l'evidente disappunto del personale, per me molto imbarazzante e umiliante. Mi sento frustrata ma soprattutto discriminata. Sono veramente pochi quelli disponibili ad aiutarmi, ma capisci che così mi è diventato molto limitativo andare a fare acquisti. L'assurdo è che l'unico luogo dove non ho avuto difficoltà è in aereoporto, anche all'estero. Ho notato che molti negozi mascherano gli antitaccheggio con cartelloni pubblicitari e quindi non sono visibili e perciò ingannevoli, e per me anche pericolosi. A questo punto solo tu puoi farmi il regalo di sensibilizzare gli esercenti per risolvere questo problema, non solo mio. Maria Franca 15 dicembre 2015 Ternelli Maria Franca via Bellini;59 41048 Prignano sulla Secchia (MO) 3403292791 mf.ternelli@alice.i

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog