Cerca

Lettere al Direttore

Chi esprime solidarietà verso il popolo italiano?

Stiamo assistendo alla continua invasione dell' Italia che a differenza di altri Stati (come l' Austria che al fine di evitare un afflusso incontrollato di clandestini che ne comprometterebbe la sicurezza e la vivibilità cosa a noi ben chiara e ben visibile se si scende per strada) non puo' alzare muri in quanto abbiamo 4.500 km di coste, e stiamo assistendo ogni giorno all' arrivo di migliaia di persone dall' Africa . Chi esprime solidarietà verso il popolo italiano quotidianamente invaso? Il nostro governo purtroppo incentiva questi afflussi con una politica buonista di non respingimento ai luoghi di provenienza ma addirittura accogliendo in alberghi a 3 stelle queste persone e dando loro quanto non da ai tanti italiani indigenti. Per non parlare dei tanti “buonisti” che elargendo elemosine a piene mani (magari pensando di aiutare veri poveri e non “professionisti dell' elemosina”) incentiva il continuo afflusso di etnie poco propensi ad andare a lavorare ma contentissimi di essere accolti in albergo e raccogliere (80-100 € al giorno mi ha detto mio cugino che fa il cassiere in un supermercato e a cui portano a cambiare i soldi delle elemosine) tati soldi senza far niente e di invitare altri connazionali a vivere nella stessa maniera. Rendessero note le nostre istituzioni quanto si arricchiscono questi “mendicanti – finti poveri” al fine di evitare il passaparola e nuovi arrivi e sopratutto riportiamoli nei posti da dove vengono i nuovi arrivati e tutti quelli che sono gia' presenti da noi (ma sono tanti – TROPPI!!!) e non hanno titolo per venire da noi prima che l' invasione sia incontrollabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoclauss

    22 Aprile 2016 - 11:11

    Il vero problema sono i complici, i collusi, gli infiltrati , i traditori. Gli scafisti hanno i complici in Italia che telefonano ai traditori a Roma che a loro volta attivano i contatti al Ministero che mobilita le navi che provvedono alla crociera a spese nostre. Poi i sindacati, le coop, gli avvocati ecc. che provvedono al resto.

    Report

    Rispondi

blog