Cerca

Lettere al Direttore

Napolitano e i calli alle mani

Egregio dr Feltri, vorrei brevemente ritornare sulle parole del signor Napolitano, il peggiore ed ora emerito (di solito questo aggettivo si accompagna a vocaboli da trivio, e sarebbero meritati) Presidente della Repubblica. Proprio in virtù e grazie al voto degli “ignoranti” questo laida ed inutile persona ha potuto fare, per tutta la vita, ciò che lei ed io e milioni di italiani possiamo solo sognare: nulla, vivere a sbafo. Avendo pure una pensione d'oro. Grazie al voto degli “ignoranti” detto non per insultare ma guardando i fatti storici, cioè alla base elettorale del partito comunista costituita in larghissima parte dalla classe operaia, quindi con un retaggio scolastico ed istruttivo meno sviluppato di altri strati sociali, il “galantuomo” (Renzi dixit … ahahahaha) in questione non ha mai lavorato un giorno in vita sua: eletto per tutta la vita in parlamento, non ha mai sviluppato sulle mani quei calli tipici dei suoi elettori. Oggi, alla veneranda età in cui molti esseri umani hanno già lasciato il pianeta, ed in cui i problemi atero ed arterio sclerotici sono gravi, continua a fare danni al paese, percependo pure una somma di pensioni pari a 900.000 (novecentomila) euri al mese pagati. Non aggiungo altro. Cordiali saluti Giuseppe Mazzoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    11 Novembre 2016 - 19:07

    Mi auguro che L'Emerito abbia quello che ha dato a tanti italiani.Menzogna e Malafede Per i calli alle mani,non c'è nulla da fare.Purtroppo,nessuno lo può punire,tranne il Padreterno. Francori2012

    Report

    Rispondi

blog