Cerca

Gentile Direttore, quando il 1° Gennaio 1993, a seguito dell'apertura delle frontiere con altri 15 Paesi della Comunità, il sottoscritto, insieme a tutta la propria categoria professionale degli Spedizionieri Doganali, si trovò la Professione azzerata per l'abolizione delle dichiarazioni doganali di importazione ed esportazione, nessuno abbozzò una parola né un lamento. Affrontai la "tragedia" lavorativa senza un aiuto né una parola di conforto. Ricordo, al contrario, che la mia rivista di settore invitava a non fare "lotte di retroguardia" e a rimboccarsi le maniche per specializzarsi e migliorare le (poche) prestazioni che avremmo potuto offrire. Una nota dell’Ordine vietava, inoltre, di organizzare manifestazioni essendo deontologicamente scorretto,in quanto l’astenersi dal lavoro avrebbe bloccato la Nazione nel caos più totale non potendo le merci né entrare né uscire senza dichiarazioni doganali. La situazione si ripropose nel 2004 (adesione di altri 10 Paesi alla Comunità) e successivamente nel 2007 (adesione di Romania e Bulgaria) ogni volta con risultati devastanti per ognuno dei Professionisti che era riuscito a sopravvivere a questi “tsunami” lavorativi. Preciso che a seguito di questi eventi “saltò” il Fondo Previdenziale della Categoria che, non avendo più sussidi adeguati per mancanza di iscritti, dovette confluire in “gestione separata” all’INPS (con quello che ne consegue) e che nel 1998 (14 anni fa !) con sentenza C-35/96 la Corte di Giustizia delle Comunità Europee aveva abolito le Tariffe professionali degli Spedizionieri Doganali (approvate con Decreto del Ministero delle Finanze il 6 Luglio 1988 e pubblicate su Gazzetta Ufficiale). Avendo subìto queste liberalizzazioni “ante litteram” Le chiedo, pur comprendendo il dramma, perché altre Categorie lavorative siano prese in particolare considerazione per provvedimenti analoghi a quelli che ho già vissuto. Avrei dovuto fare “lotte di retroguardia” ? Sono figlio di un Dio minore? Cordiali saluti Claudio Neroni – Spedizioniere Doganale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog