Cerca

Pomigliano d’Arco, 20/01/12 Egr. Gran. Lav. Marco Travaglio Presso il Fatto Quotidiano Egr. Moralista Michele Santoro Presso il Fatto Quotidiano Egr. dott. Ezio Mauro Presso La Repubblica Egr. dott. Eugenio Scalfari Presso La Repubblica Egr. dott.ssa Lucia Annunziata Presso Rai3 Egr. dott. Giovanni Floris Presso Rai3 Egr. Bianca Berlinguer Presso RAI 3 Egr. Corradino Mineo Presso RAI News Egr. Gad Lerner Presso LA7 E p.c. Egr. Maurizio Belpietro Presso Libero E p.c. Egr. Vittorio Feltri Presso il Giornale E p.c. Egr. Giampaolo Pansa Presso Libero Cari giornalisti, imparziali e non faziosi, adesso che il Caimano si è dimesso, confermando la promessa fatta al Capo dello Stato contrariamente a tutti quelli che sostenevano che era una improbabile mossa per ottenere più tempo per lanciare una nuova “campagna” acquisti di Onorevoli , e non avendo più argomenti da scrivere e/o commentare sui Vs. giornali siete destinati ad andare in pensione?. Tra l’altro uno di Voi la pensione la percepisce essendo stato Onorevole, alla faccia dei tagli alla Casta che il suo giornale sta combattendo. Del resto parte di episodi di grande imparzialità sono stati citati nel libro di Giampaolo Pansa ed in altri articoli sul quotidiano Libero, che al contrario di tutti Voi è un giornalista fazioso. La situazione politica che si va delineando per il dopo B. con un governo tecnico che è fortemente voluta dal PD per un semplice motivo che non veleggia in nessun giornale: il PD, pur avendo in tasca la vittoria alle prossime elezioni, non è in grado di fronteggiare questa crisi ed “affida” l’onere di “bastonare” gli italiani ad un esterno scaricando le responsabilità ad altri, per poi ribadire nella prossima campagna elettore che loro non erano d’accordo sui provvedimenti che sono stati presi dal prossimo governo. Non credo che la triplice (Bersani, Di Pietro e Ventola) e il Terzo Polo abbiano delle “convergenze parallele” tale da mettere in atto riforme e interventi sulla crescita che l’Europa ci chiede. Del resto gli ex PCI e ex DC (Margherita) non hanno colpa su l’enorme debito pubblico accumulato a partire dagli anni ‘80. La colpa del debito pubblico è da addebitarsi al solo partito MSI di Almirante che ha sempre votato compatto tutte le Finanziarie e si è preso l’onere di dirigere tutte le Regioni, Provincie e Comuni. Gli ex Dc e ex PCI erano sull’Aventino in tutti questi anni?. Come al solito i grandi giornalisti imparziali non hanno evidenziato questa anomalia, puntando sempre a bastonare il Caimano. Adesso se il governo tecnico non riesce nella realizzazione delle riforme che ci chiede l’Europa la colpa ricadrà sempre sul Caimano. Immagino già i giornali e le trasmissioni in TV (il Fatto Quotidiano, La Repubblica, L’Unità, Il Manifesto, Ballarò, Servizio Pubblico (Anno Zero), 8*1/2, L’infedele, In Onda (con l’ingresso di Porro è una trasmissione più equilibrata)) attaccare il Caimano per non aver voluto “collaborare”, citando i soliti discorsi del conflitto d’interesse, ecc.. In realtà è la sinistra non è in grado di concretizzare le indicazioni che ci chiede l’Europa e per questo motivo appoggia, senza condizioni, un governo tecnico che faccia le riforme del lavoro (la sinistra è sempre contraria qualunque soluzione si trova), del fisco (eliminare le agevolazioni alle Cooperative), delle pensioni, liberalizzare il mondo delle assicurazioni, lotta all’evasione/elusione fiscale, introdurre la patrimoniale per i grandi patrimoni (Mediaset, CIR e gli innumerevoli interessi dell’ing. De Benedetti, l’impero Della Valle, l’impero delle Cooperative, la FIAT, ecc.) per poi ribadire in campagna elettorale che tutte misure lacrime e sangue non sono state proposte dai tecnici (I Ponzio Pilato della politica italiana). Cordiali saluti Giacinto Bruni P.S.: L’intestazione Gran Lav è riferita al dott. Travaglio in virtù che nell’uso dialettale meridionale significa Lavorare con fatica, o anche, più genericam., lavorare, fare qualche lavoro ed uno che si chiama Travaglio di cognome non può che essere un grande lavoratore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog