Cerca

Egr. Direttore, Sicuramente si sarà reso conto che il governo Monti non sta mantenendo i buoni propositi esposti nel discorso di insediamento e cioè di ridurre la distanza tra coloro che hanno, e che vengono garantiti, e coloro che, invece, hanno molto poco e sono poco protetti. E’ stata reintrodotta l’ICI per la prima casa. Ma e mai possibile che non ci rendiamo conto che in Italia è il maggior proprietario immobiliare è totalmente esentato dal pagamento dell’ICI. Lo Stato della chiesa non paga ICI, come ben sappiamo, non solo per i luoghi di culto, non solo per le abitazioni del clero, ma anche per tutti gli immobili di proprietà e destinati ad uso commerciale a partire dagli edifici scolastici, alloggi per pellegrini, edifici in affitto a terzi, etc. Una stima per difetto degli importi che, per quest’ultima tipologia di immobili, non sono stati pagati negli ultimi anni allo stato italiano ammonta a oltre 40 miliardi di euro. Ora, se aggiungiamo i contributi per il sostentamento del clero, quelli per il restauro e la manutenzione delle chiese e degli edifici della chiesa le agevolazioni e le promozioni milionarie alle manifestazioni religiose, con tale cifra saremmo vicini al pareggio di bilancio e probabilmente i nostri bond sarebbero più appetibili di quelli francesi. È un dato di fatto che sulle spalle dei contribuenti italiani pesa un secondo stato del tutto improduttivo ai fini del prodotto interno lordo. Ora, visto il momento particolarmente critico, sembra essere cosa buona e giusta per i conti dello stato italiano chiedere un contributo a chi finora è stato così tanto agevolato e che così tanto sta contribuendo a rendere più critica la situazione dei nostri conti. IL PRESIDENTE MONTI, DEVE CHIEDERE ALLO STATO DELLA CHIESA DI ASSUMERSI LE PROPRIE RESPONSABILITÀ E DI CONTRIBUIRE FATTIVAMENTE ALLA SOLUZIONE DELLA CRISI. Se così non sarà dovremo trovare altri mezzi per sopravvivere ad una pressione fiscale già oggi eccessivamente pesante. Ad esempio, potremmo aggiungere un’immagine sacra in casa e modificare i nostri campanelli di modo che riproducano il suono delle campane: in questo modo potremo richiede di equiparare le nostre case a luoghi di culto esenti da ICI. Ossequi Pierattilia da Milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog