Cerca

Egregio Direttore,un buon governo secondo me, dovrebbe comportarsi come un buon padre di famiglia, cosa che questo governo non ha fatto e non farà mai perchè prigioniero di chi lo ha posto alla cabina di comando. Quando una famiglia si trova in difficoltà, un buon padre corretto ed onesto comincia a tagliare le spese inutili o quelle non propio necessarie. Questo governo ha sbagliato tutto sin dall'inizio,in quanto avrebbe dovuto: Togliere il sovvenzionamento pubblico dei partiti, varando una normativa che obbligasse tutti i politici eletti a versare almeno il dieci percento del loro stipendio per finanziare il loro partito di appartenenza; Eliminare tutti i vitalizi dei politici che sono una vergogna; Porre un tetto massimo per gli stipendi di dirigenti e funzionari pubblici; Eliminare il lavoro nero e i disoccupati volontari (quelli che per puro calcolo preferiscono rimanere disoccupati, in agricoltura sono tantissimi), basterebbe fare pagare il numero di giornate previste per ettaro a seconda delle colture eliminando l'ici, non ci sarebbero più truffe miliardarie all'INPS e gli immigrati non sarebbero più costretti a raccogliere arance ad un euro a cassone; Imporre ai progettisti di quantificare così come quantificano i materiali, anche la manodopera necessaria per la realizzazione di un progetto, quindi imporre alla ditta vincitrice il versamento dei contributi per quel numero di lavoratori previsti nel progetto,al di là dei subappalti che di solito vengono dati e quindi alla fine quasi non si sà chi ha realizzato il progetto. Solo dopo aver preso queste iniziative, il governo avrebbe potuto iniziare a prendere le iniziative attuali che stanno portando il paese in recessione. Nell'esprimerLe la mia ammirazione, Le porgo cordiali saluti. Ciccio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog