Cerca

Valore della licenza taxi Si parla tanto di valore della licenza,dicendo che il tassista chiede l’aumento delle tariffa per coprire il debito contratto per comprarla . Quindi per questa gente ( che ha la gomma piuma al posto della materia grigia ) togliendo il valore alla licenza ; il tassista vivrebbe meglio e il cliente pagherebbe meno . Sbagliato ! Non è così ! Vi spiego . Il sottoscritto (come la maggior parte dei tassisti ), prima di fare questo lavoro aveva un’altra attività ; vendendo l’attività ( e altri magari un’ appartamento o qualcosa di proprietà) , ha comprato la licenza. A molti è stata passata dal padre e ad altri per il rilascio ( sconsiderato ) dal comune di Roma . Alla fine solo una minima parte ha voluto fare un mutuo per comprarla e spesso fanno il turno di notte per guadagnare qualcosa in più ( il bello poi , è , che si sentono chiedere lo sconto o il resto di 10 centesimi da chi ha gozzovigliato tutta la sera a teatro , nei locali o in ristoranti da 100 euro a persona ) . Quindi la maggior parte di noi ha iniziato questo lavoro senza un debito . L’aumento della tariffa viene chiesto per altri motivi : aumento del costo della vita , dell’assicurazione ( che per noi tassisti è più alta ) , della benzina , degli sgravi cancellati , di rimborsi che restano sulla carta , del … , insomma di tutti i costi di gestione, che aumentano mese per mese . C’è poi da specificare che sulla vendita della licenza il tassista “ NON GUADAGNA “ ma “ RIPRENDE “ solamente i soldi dell’attività precedente , dell’appartamento venduto , del mutuo contratto o dei sacrifici del padre. Soldi che non hanno fruttato , ma che hanno permesso solo un lavoro ad una persona ( un lavoro duro , non uno da scrivania ). Per i fortunati che hanno ricevuto la licenza dal comune e che la venderanno al raggiungimento della pensione ( da artigiano ) sono contento per loro . Che la licenza abbia un valore è più che giusto ( ve lo dice uno che l’ha pagata e che la vede svalutarsi anno per anno ) perché in questo modo se il tassista si comporta male , rischia ( per legge ) prima la sospensione e poi la revoca della licenza . Purtroppo ( come tutti sanno ) la legge in Italia è ad interpretazione del giudice e questo crea un danno enorme , alle migliaia di tassisti onesti , che lavorano 365 giorni l’anno tra mille difficoltà . Ma quale difficoltà , sti tassinari “ sono ricchi “ ( o no !? ) Spesso quando vengono fatte interviste televisive , vengono inquadrate mercedes ultimo modello , fuoristrada o vetture nove posti ; ma quante ce ne sono nell’intero parco macchine di Roma ? Per inquadrarli state appostati tutto il giorno o avete informatori sparsi su tutta Roma ? E’ solo coincidenza ? Fortuna ? Be , se siete così fortunati vi conviene giocare al superenalotto . Che ci sia qualcuno, che ha queste autovetture non c’è dubbio . Che ci siano alcuni colleghi benestanti anche ; ma bisogna vedere il perché . 1) Alcuni di questi sono i classici “ figli di papà “ . di un papà proprietario di qualche , azienda . Azienda che non si sognerebbe mai di mettere in mano al proprio figlio ( troppo imbecille : praticamente il classico soggetto che andate a cercare per intervistarlo ) quindi gli compra casa , licenza e macchina e i dipendenti dell’azienda possono tirare un sospiro di sollievo ) . 2 ) altri sono disposti a mangiare pane e cipolla , pur di avere quel tipo di macchina ( e questi ci sono in tutte la categorie ) . 3 ) altri essendo single e figli unici : visto che la macchina è il loro luogo di lavoro dove passano tutta la giornata ( tutta la loro vita ) ci vogliono stare almeno comodi . Certo mantenerle costa, ma è una loro libera scelta quella di spendere il loro guadagno . 4 ) Ci sono poi i fortunati , quelli che hanno una moglie avvocato – notaio – giornalista … , insomma un’appartenente ad una vera casta , ad una vera lobby : alla quale , adesso , ne fa parte anche Mario Monti , visto che nella presentazione del discorso di fine anno gli avete fatto il dono “ slurp – slurp “ della tessera dei giornalisti . Una presentazione che invitava a non toccare i finanziamenti ( milioni di euro tolti dalle tasche di chi non arriva a fine mese ) dati alla casta dei giornalisti . Le altre auto che vedete di media cilindrata , sono in maggior parte aziendali di seconda mano . quindi se qualcuno ha una bella macchina non significa che i tassisti stiano bene . il sottoscritto ad esempio ha venduto l’attività precedente , ha poi comprato la licenza ( passando improvvisamente dall’oggi al domani da brava – educata ed onesta persona a ladro – infame - sporco – lurido – zozzo – bastardo – ignorante cafone ; proprio una merda . Praticamente come ci ha rappresentato “ l’artista ( ? ) “ Ambra Angiolini in televisione ) sta pagando il mutuo di casa , ha due figli piccoli , una moglie che lavora saltuariamente ( +/- 600 euro al mese ) senza mai permettersi “ in 10 anni “ un giorno di ferie , un ristorante , un cinema niente e andando al lavoro anche con 39 di febbre . Ed io sarei il ricco ? Qualcuno ha detto che facciamo finta di essere poveri . Certo ; io passo tutta la vita a far finta di passarmela male , per poi dire a 90 anni ; TA DAA !!! “ Vi ho fregato , sono ricco “. Bel fenomeno ( state attenti a non dirmelo a portata di mano ). Inoltre ci sono quelli meno fortunati di me , quelli che non possono permettersi di comprare una casa e di farsi una famiglia, passando la vita in affitto . E voi , quando questi vanno in pensione ( da artigiano ) gli vorreste togliere i soldi , che avevano prima di fare il tassista ? Ricordatevi che li avrete voi sulla coscienza . Ah ! Dimenticavo . Di 600 scassate ( come dice la Lanzillotta ) ne potranno uscire solo con la liberalizzazione ; e quelle saranno le migliori , poi vi dovrete accontentare delle apette .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400