Cerca

Da quel buio dì di novembre 2011 quando Silvio Berlusconi (che,si dice,mai fu sfiduciato) ha rassegnato il suo mandato (così è d'uopo scrivere) nelle mani del Presidente della Repubblica,pur avendo molto più tempo a disposizione per le sue cose,è diventato improvvisamente casto. Anche se lo si cerca con il lanternino di Diogene o facendosi aiutare dalla Sciarelli non si riesce a trovare barba di giornalista o di comico che s'interessi della sua vita privata. Pure il corrispondente romano del Telegraph,Nick Squires,ha terminato di informare i suoi compatrioti su quel che il Cavaliere fa notte dopo notte. Le gentili donzelle alle quali tanti organi d'informazione avevano affibbiato patenti di facili costumi son diventate tutte morigerate,addirittura talune,pentite sulla via...della Procura milanese,sarebbero disposte a sostenere che hanno perso la virtù perchè soggiogate dal fascino del brianzolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog