Cerca

in relazione a quanto detto da beppe grillo, credo di avere interpretato diversamente l'intervento del "comico". se bene ho interpretato lo stesso ha inteso dire che non si possono naturalizzare dei bambini, anche se nati in italia, se i genitori non sono stati dichiarati cittadini italiani. farlo passare per razzista è come dire che "avere compagni nel dolore scema la pena". atteso che in italia i razzisti ci sono in tutti gli schieramenti della politica e principalmente aleggia tra quelli che si ritengono appartenere alla "intellighenzia di sinistra" è comodo fare una campagna contro grillo al solo scopo di chiudergli la bocca. è democratico chi consuma un tale equivoco?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog