Cerca

Ho sempre stimato, sin dall’inizio della sua nomina a presidente della Repubblica, l’onorevole Napolitano. L’ho sempre reputato una persona con sani principi istituzionali e capace di ottemperare alle leggi ed alla mesa in atto degli articoli della nostra Costituzione. Mi chiede, allora, come mai il presidente della Repubblica non ha presi in considerazione, al momento della nomina del prof. Monti, l’art. 59 della nostra Costituzione! Il prof. Monti non è in possesso di nessuno dei requisiti citati nel suindicato art. per essere nominato senatore a vita; infatti, non mi risulta che il prof. Monti si sia distinto per “altissimi meriti in campo sociale, scientifico, artistico e culturale”. Egli ha eseguito semplicemente “molto bene” il suo lavoro di economista al momento dei suoi incarichi. Altro punto negativo nell’operato del presidente Napolitano è la nomina di un Governo composto solo da tecnici senza persone elette dalla volontà del Popolo Sovrano. I cari tecnici, per prima cosa, hanno aumentato le tasse ed i balzelli sui redditi certi (pensioni, redditi da lavoro dipendente, IMU, ecc.). Facile così fare cassa senza pensare che, in questo modo si porta una certa fascia di cittadini alla soglia della povertà se non alla povertà. Perché, invece di tagliare ai poveri, non si pensa a tagliare ai ricchi (deputati, senatori, senatori a vita) e a tutti coloro che sono “zavorra” (caste privilegiate) e che pesano sui contribuenti. Nessuno degli onorevoli si è ridotto lo stipendio (tutti solidali tra loro) perché ...... LA DECISIONE DI TALE PROVVEDIMENTO SPETTA SOLTANTO AL PARLAMENTO (figurarsi se gli stessi membri del Parlamento si riducono i lauti stipendi) eventualmente,tra breve, li aumenteranno a causa dell’INFLAZIONE e della CRISI ECONOMICA. In questo contesto fa comodo ottemperare a quanto sancito da disposizioni attuabili soltanto per pochi eletti. Sono orgogliosa di essere Italiana: per il nostro Tricolore, per la bellezza che il nostro Paese possiede, per i grandi geni ( in tutti i campi) che sono nati in Italia portando lustro in tutto il mondo. Non sono orgogliosa per gli individui che ci rappresentano e che si sono arroccati in cariche privilegiate e più che ben retribuite per un LAVORO CHE NON SVOLGONO.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog