Cerca

Gentilissimo direttore, in Italia gli operai hanno stipendi miserabili e paradossalmente il costo del lavoro è troppo alto. Gli imprenditori spostano allora le loro aziende all’estero, smantellando così, pezzo dopo pezzo, l’industria italiana. Competere ad armi pari con Paesi come la Cina, dove un operaio costa circa due euro all’ora, evidentemente non è possibile e la disoccupazione è in progressivo aumento. Che rimedio adottare? A mio avviso, quello di rimettere i dazi. L’Europa, che li ha rimossi, con le sue infelici regole si sta rovinando da sola e sta rovinando anche noi. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog