Cerca

La nostra rete ferroviaria é andata in tilt per la neve ed il gelo ed i soliti brontoloni, fra l'altro, portano ad esempio i paesi nordici dove i treni funzionano benissimo anche di fronte a situazioni climatiche simili, se non peggiori. Mi sembra che la risposta é abbastanza ovvia: da un lato abbiamo l'indubbia maggiore efficienza dei nordici, dall'altro, però, bisogna considerare che all'estremo nord questi fenomeni estremi si susseguono per quattro mesi all'anno, da noi, invece, specie a Roma e dintorni, per pochi giorno ogni venti o trenta anni. Non si può pretendere la stessa efficienza fra chi governa l'ordinaria amministrazione e chi deve fronteggiare un fatto straordinario. Tantomeno pretendere la stessa quantità di investimenti in mezzi e risorse umane che da noi sarebbero inutilizzate per decenni ma che bisogna pagare sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog