Cerca

Gent.mo Direttore, ritengo mio dovere intervenire a difesa dei nostri giovani, offesi da questi saccenti che siedono sugli scranni del Governo senza un mandato popolare ma solo grazie al volere del Presidente della Repubblica che ha tolto al Popolo Italiano la libertà di eleggere i propri Governanti. Ma questi signori prima di parlare dei nostri Giovani dovrebbero lavarsi la bocca, al di là degli esempi personali dei miei figli, mia figlia studia a Milano e per non pesare molto sulla famiglia lavora di pomeriggio, mio figlio in questo momento è sù una nave container come allievo ufficiale.Ma posso portarLe migliaia e migliaia di esempi di giovani che sono lontani dalla famiglia in Italia e all'estero,questi signori che hanno iniziato le loro carriere sotto l'ombrello della Prima Repubblica e sappiamo benissimo come funzionavano le cose all'epoca,non possono permettersi di offendere i nostri giovani avendo la pancia piena e i piedi al caldo. Il Sig. Monti dovrebbe spiegare ai giovani con contratti precari come mai quando vanno in banca a chiedere un prestito la banca non lo concede perchè non hanno un posto fisso. Abbiano un minimo di dignità e chiedano scusa ai nostri Giovani,perchè loro non solo non li conoscono ma non sanno neanche che grandi potenzialità umana hanno questi ragazzi ai quali noi non abbiam saputo garantire un futuro come invece avevano fatto i nostri padri. La ringrazio della Sua attenzione ai problemi che attanagliano la nostra Nazione e la prego di continuare a farlo sempre come è stato sino ad oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog