Cerca

Egregio Direttore si discute tanto di riforma del lavoro,di ammortizzatori sociali,di incentivi per le imprese(anche piccole)che assumono i giovani.Ma,mi chiedo,che fine faremo noi(ho 55 anni)che sopravviviamo solo e soltanto grazie a contratti di forte precariato ovvero con forme contrattuali a tempo determinato?Monti se l'è posta questa domanda?Spalanchiamo ben volentieri le porte del mondo del lavoro ai giovani ma bisogna salvaguardare anche la gente di una certa età che tanto ancora può dare!!!Altro argomento spinoso riguarda i pagamenti in contanti oltre i 1.000(misure-a parere dei nostri governanti-antievasione e antiriciclaggio).Ma che senso ha costringere i pensionati,ad esempio,ad aprire un conto corrente o a farsi accreditare gli emolumenti in un libretto postale e/o bancario(perchè il contante oltre i 1.000 non te lo danno)?Mi pare che alla fine il denaro venga erogato da istituti di credito(inps e inpdap)controllati dallo Stato che,in qualunque momento,può verificarne la tracciabilità.Invito Monti e il suo staff a meditare sull'incongruenza di certe misure adottate che, non solo, non producono benefici ma,al contrario,innalzano l'asticella del regresso,della mancata modernizzazione tanta sbandierata e reclamizzata.Amen. p.s.dimenticavo che le misure adottate dal governo Monti(solo e soltanto TASSE)le poteva pure fare(come peraltro,tempo addietro,asserito dal segretario Bonanni)anche un bambino!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog