Cerca

Ho trovato nella mia casella questa e-mail, non sono riuscito a trovare riscontri: è una panzana? "Uno scandalo dalle proporzioni difficilmente immaginabili potrebbe colpire il Governo nei prossimi giorni. La banca d’ investimenti americana Morgan Stanley nei primissimi giorni dell' anno ha ricevuto nel completo silenzio 2miliardi e 567milioni di euro dal Ministero del Tesoro Italiano, presieduto ad interim dal presidente del Consiglio Mario Monti. L' urgente pagamento è stato fatto per soddisfare la Banca americana che aveva improvvisamente "call the debt", espressione con la quale in gergo finanziario si descrive l'operazione di richiesta di restituzione di tutta la somma prestata per intervenuto motivo grave. Praticamente 6miliardi e 268 milioni erano stati prestati in derivati (fondi altamente tossici) all' Italia alcuni anni fa ed invece di attendere il consueto pagamento annuale di interessi, la Morgan Stanley,preso atto del downgrading dell' economia italiana da parte dell’ agenzia di rating Standard and Poor’s pochi giorni prima, ha deciso di richiedere l' immediato pagamento del debito. E' ovvio che questa agenzia di rating ha fornito il pretesto per la richiesta di Morgan Stanley. Morgan Stanley a novembre si era già espressa in termini negativi nei confronti dell' economia Italiana chiedendo riforme e liberalizzazioni: le famose “lacrime e sangue” per gli italiani. Quindi nelle prime ore del 2012 l' appena insediato Monti ha decretato il pagamento immediato alla Morgan Stanley annullando la parte rimanente del debito con un passaggio dello stesso debito a Banca Intesa di 3,381 miliardi di debito rimanente. Morgan and Stanley è cosi totalmente soddisfatta avendo saltato la fila di tutti coloro ( fra i quali moltissimi cittadini) che hanno crediti nei confronti del Tesoro ottenendo il pagamento, in un momento di difficoltà di reperimento di liquidi, di tutta una somma che in realtà, per ciò che ormai sappiamo dei derivati, avrebbe dovuto effettivamente portare non al pagamento del debito, ma all' emissione di mandati di cattura per truffa ed altri reati nei confronti dei gaglioffi finanzieri. Inoltre Banca Intesa può mettere a bilancio l' entrata di 3,381 miliardi di euro come patrimonio in positivo. Ciò avrà fatto sicuramente piacere a Passera, Presidente di Banca Intesa e Ministro, secondo per importanza solo a Monti, nello specchiato governo in carica. Ma sicuramente farà piacere anche al Vicepresidente di Morgan Stanley e cioè Giovanni Monti che guarda un po', è proprio il figlio del nostro Presidente del Consiglio. Non ha fatto piacere sicuramente a milioni di italiani che stanno soffrendo le pene d' inferno con fisco aggressivo, pensioni da fame e generale impoverimento. La verità è semplice e drammatica. Con il Governo Monti la finanza internazionale ha le mani nelle tasche dello Stato Italiano o meglio, per dirla all' inglese, ha "direct rule" ( potere diretto) sull’ economia italiana. Monti e Passera continuano nel loro ruolo a fare gli interessi per quelle bande di criminali che sono le istituzioni finanziarie che servono da decenni e come volgari vecchi democristiani decidono come regalare miliardi di euro ai loro compari: tutto in casa, magari fra padre e figlio, o con i loro colleghi di Gabinetto."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog