Cerca

Caro Direttore ancora una volta siamo alle solite ipocrisie del nostro governo e chi ci rappresenta. Il nostro amato Presidente Napolitano nelle sue sublimate esposizioni impeccabili di recitazione ci propina ancora le ricette di placebo avvelenato con dosi infinitesimali per non farci sentire il dolore tutto in una sola volta. Ieri ha avuto il coraggio di dichiarare che ha proseguito dopo un’attenta valutazione al risparmio delle spese del Quirinale. Ha affermato che nel suo incarico presidenziale, c'è stato un risparmio di sessanta milioni di euro. Il personale è stato ridotto di 394 unità e, nel 2011, ha provveduto alla riforma delle pensioni di anzianità e alla riduzione degli straordinari. Ci vuole far credere che anche al Colle si fanno sacrifici, in un momento in cui a tutti viene chiesto di tenere duro. Tra le misure adottate udite udite, c'è anche anche il blocco del turn – over del personale, e l'applicazione di un contributo di solidarietà del 5 e del 10 per cento per le indennità degli alti gradi. Ma al di là dei tagli, resta un dato: il Quirinale ha spese enormi se confrontate con quelle di altre istituzioni nel mondo. La spesa per i beni e i servizi è aumentata di 300mila euro (ma il Quirinale lo spiega con le spese sostenute per il 150° anniversario dell'unità d'Italia. Ma nonostante tutto il Quirinale ha a bilancio pari a 228 milioni di euro e per il 2012 sono previsti 245,3 milioni di spesa. Per farci un'idea: la Casa Bianca costa 136,5 milioni di euro, l'Eliseo 112,5, Buckingham Palace 57. Insomma, nonostante il primo passo compiuto da Napolitano, la strada per abbattere davvero i costi è ancora lunga e il traguardo lontanissimo. Ancora una volta il popolo viene deriso. A già di quale popolo stimao parlando? Siamo il disonore d’Italia altro che unità d’Italia coesa e produttiva, sono solo chiacchiere. Siamo governati da personaggi che parlano di equità che dal latino equitatem, cioè uguale, equo o equitativo??????????? Alla facccia del biscotto diceva quel tale, ma ci rendiamo conto che se continuiamo cosi faremo al fine della Grecia? Occorrerebbe agire ma non abbiamo la forza e forse le capacità per farlo. Oserei dire a tutti: Ora basta, l’On Monti parla di sviluppo delle strutture ed infrastrutture aumenti di posti di lavoro? Ma sarà vero? Che dobbiamo abituarci al posto flessibile vedasi Lui da quanto tempo e allo stesso posto con incarichi diversi ma sempre nello stesso ambito e figlio, come la D/sa Fornero e famiglia, Cancellieri e famiglia, Michel Martone figlio di tal Cassazionista etc…E poi Egregio Sig. Presidente, non vedo abbassarsi lo stipendio, non soltanto dei signori politici ma anche quelli delle camere o dei dipendenti delle stesse. Forse non sono ancora convinti del divario tra la popolazione e le caste. Vorrei vedere loro con 1500/ 700/500 € al mese cosa sono capaci di fare in questo momento travagliato di questo paese diviso dalle chiacchiere e dalle incapacità per i propri tornaconti. Egregio Presidente questa e la differenza tra Lei, i politici, i dipendenti delle due camere, e i cittadini comuni cui chiede di fare ancora sacrifici per il bene dei loro figli???????. Da vero comunista pensa sempre per sè, predica (bene) razzola meglio. Di nome ma non di fatto caro beneamato Presidente ex Stalinista /Leninista parla bene ma razzola malissimo come tutta la congrega della casta. " Chi dimentica il proprio passato e destinato a ripeterlo ". Fra pensioni e stipendi lei e tutti gli altri vi cuccate una bella sommetta alla faccia di tutti i lavoratori di cui un tempo Lei Sig. presidente, era portabandiera. Il baraccone del Quirinale e' stato stimato che costi al giorno circa 900,000 €uro, un’enormità, e poiché non siamo in Gran Bretagna dove tutti i bilanci della regina e del parlamento sono pubblicati sui giornali al centesimo, il costo reale del nostro baraccone presidenziale e' Top secret e stimato in difetto. Evviva la Repubblica delle banane! Queste mi sembrano furbate da re dove il primo ministro gli faceva notare :Maestà il popolo reclama e lui rispondeva : Aumentate le paghe dei Generali. Caro Presidente, con tutto il rispetto x, l’istituzione e con rigoroso rispetto , non me ne voglia se mi sfogo, ma il suo governo risulta il peggio dei precedenti e non parliamo del suo caro amico io non c'ì stò, il peggio del peggio. Il governo italiano è il più costoso di tutti i governi del mondo, i vari presidenti chè decadono nel mondo vedi Clinton, Corbaciof, Lech Walesa e altri, che non hanno pensioni da nababbi. Allora, Sign. Presidente , mi vuole spiegare perché in Italia si devono dare i vitalizi a deputati e senatori dopo avere "spogliato l'Italia e gli italiani" ?. Bisogna fare sacrifici e allora cominciate da voi tutti, faccia come farebbe un buon padre di famiglia . Lei sa esattamente quanti milioni di italiani vivono sotto la soglia della povertà e quanti si stanno avviando verso questa soglia però ogni giorno ci indora la pillola dicendoci che siamo un popolo volenteroso e che ci dobbiamo assumere, le nostre responsabilità. Ma LEI pensa di non averne responsabilità? Tutti i TG stanno parlando dei 228mln di euro che spende il Quirinale , come se stessero alla fame poverino, come la maggior parte dei cittadini. Caro Presidente, ci dia un taglio e si risparmi le belle parole, ma ci dica esattamente la verità di questo pastrocchio che ci propinate, perche e solo un pastrocchio ideologico delle tre carte facendo pagare solo ai poveri cittadini che già da soli fanno enormi sacrifici per mantenere Lei e la Casta. Si ricordi che fare il politico non e un mestiere eppure lei come gli altri siete da parecchie legislature su quegli scranni. LEI vive nel suo mondo d'oro come i peggiori COMUNISTI ,che abbiamo conosciuto, e che abbiamo visto cadere nel peggiore dei modi ,ed era sempre poco rispetto a quanto avrebbero meritato. Ci rifletta PRESIDENTE ! e faccia ,per una volta,UNA COSA GIUSTA!Non cada nello stesso errore. La saluto ossequiosamente e non me ne voglia se mi sono sfogato come un figlio verso il padre. Fubi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog