Cerca

CORTE DEI CONTI : "DILAGANO CORRUZIONE E ILLEGALITA'"

Prendo spunto da questo titolo per qualche considerazione personale : se si volesse proprio congetturare al limite del paradosso vediamo personaggi di una qualche popolarità che pur di tramandarsi ai posteri... scrivono successivamente libri sulle rispettive conoscenze e raccontano vita ed esperienze lavorative del proprio settore ; ma la farina di quei sacchi è tutta di buona qualità (magari anche in buona fede)? In un Paese dove il degrado continua a crescere...quale incentivo può nascere alla conoscenza degli attuali fatti se non soltanto quella della pura curiosità, da dimenticare. Verrebbe, allora, da chiedersi : caro autore... come posso leggerti e quale insegnamento costruttivo puoi trasmettermi se si naviga in un mare di marciume ormai ufficializzato. Quale esperienza "di base" se si comincia a dubitare "in alta percentuale"? Almeno che lo scrivente (autobiografo) sia un ex malvivente che decida di raccontare le malefatte vissute. Allora penso più saggio, in un determinato settore, scegliersi un autore noto ed operativo in una realtà estera ben amministrata. Leggereste, a scopo istruttivo, le opere di qualcuno che vive nella "repubblica delle banane" e che esponga (a mò di libro di testo) e parli della politica di quel Paese? Che i proventi vadano o meno in beneficenza...è un altro discorso. Saluti. Angelo Mandara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog