Cerca

Canone, finto canone

A mia moglie, che ha un'edicola con un emporietto, e' arrivata l'intimazione a pagare il pizzo "per la rai". In effetti specificano che e' imposta su qualunque apparecchio collegato o ATTO a collegarsi anche in digital signing (per gli ignoranti ADSL) per ricevere video o quant'altro. Pare che stiano battendo a tappeto i negozi che hanno utenza ADSL, dimenticandosi di tutti gli esercizi che hanno le chiavette usb per collegarsi. L'importo dell'estorsione e' di 400 neuri, cioe' l'imposta speciale per uso non familiare. Come se fosse esposta al pubblico la visione dei programmi o dei video. E sarebbero tassati anche i video di formazione, guardati con un computer che si collegasse a qualcuno che istruisse su qualcosa! Le edicole stanno facendo un grosso sforzo per informaizzarsi e superare tanti problemi connessi col carico scarico delle pubblicazioni, e 400 euro l'anno sono un'enormita' per tali negozi. Ma il mio sfogo e' su una questione di principio: non ho un servizio, me ne frego del servizio che pensano io goda, ieri da un amico ho sentito vomitare celentano, e io dovrei pagarlo e ben 400 euro? Anche un videocitofono sarebbe atto a ricevere se venisse collegato il suo monitor, quindi anche i videocitofoni pagano? Avendo la possibilita' fisica di rubare caramelle a un bambino, posso essere incriminato per furto? Noi non pagheremo e siamo disposti a denunciare penalmente per estorsione chiunque venga a fare un qualsiasi controllo e sollevare eccezione di costituzionalita' per un simile abominio di tributo. E' piu' parassita chi spreca i soldi della comunita' che non colui che non paga le tasse, perche' il secondo finira' comunque per dare soldi a chi gli fornira' servizi, il primo li dara' solo agli amici e non si sa per cosa. Cordialita'

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog