Cerca

Non è un opinione,ne una segnalazione..è solo una storia...

Sono una persona qualunque,un amico, un Padre, come tanti altri, destinato a chiamare, ogni istante, per nome il Dolore. Nasco come una persona semplice,umile,un pò folle, credo vera e non voglio nascondere di essere ancora vivo, per la tanta sofferenza "insegnante" che ho ricevuto educatamente dalla vita, trasformata in autostima, oggi arroganza per i continui avvenimenti creati,serviti, vissuti!! E' da un pò di tempo che combatto,e la parola "arresa" non è per me, o forse non lo era, esiste un tempo per tutto e adesso sono sfinito,abbattuto, davvero al limite della resistenza, questo mi rende solo, perchè più passa il tempo e più ti lasciano solo,presi dall'ipocrisia della parola "combatti", come se non lo facessi ogni istante per mantenere gli occhi aperti! Mi manca tanto mia figlia,ma il suo mancare mi rende forse indistruttibile, la voglia di tornare ad abbracciare i suoi "occhi",sentire i suoi Papà,i suoi pianti,i suoi sorrisi, sto tatuando nell'anima ogni suo conforto! Pensavo di avere una storia da raccontare ,ma mi sono accorto che non serve a nulla, in questo mondo fai bene o male ha la stessa importanza! Non scrivo per sentirmi,ne vittima,ne colpevole, sono solo una persona che avrebbe bisogno di meno retorica, e davvero di credere ancora nel bene,nella giustizia,nella parità,nella non discriminazione e che a differenza di altri, ha voglia di vivere,sudare ,lottare,lavorare e sorridere accanto ai meravigliosi occhi di sua figlia. Spesso ho criticato,in privato, chi vende la sua vita, ma ora che davvero non ho più nulla,che ho poche alternative,ho già 36 anni, mi ritrovo disoccupato da tempo, senza una casa,spesso senza la possibilità di sognare,sono un vagabondo, che si appella alla speranza di Dio, ma che continua ad affrontare tutto con onestà,perchè so che al primo errore mi condanneranno senza appello! Vorrei uscire da questo tunnel, perchè ho il difetto di amare la vita e di volerla vivere,non voglio essere aiutato,perchè se dicessi che voglio questo,troverei qualcuno pronto ad avere un problema in più del sottoscritto, gli stessi che urlano quel famoso passerà, purchè si liberino dal peso ingombrante dell'aiuto vero, vorrei essere ascoltato, ho bisogno di capire come si fa a vivere? Come fai a vivere senza nulla? Come fai a far capire alla gente sempre pronta ad avere un problema in più, che davvero sto male? Che non voglio chiudermi in una stanza,in un bagno o in un auto e aspettare la morte? Sono un uomo prima e vorrei essere un papà combattivo, come tanti, ma non dirò ciò che ho perso di materiale, perchè a me interessa solo vivere mia figlia, farle arrivare un pensiero, un sorriso, e credetemi non ho niente,ne più nessuno ho solo la volontà di Dio che mi spinge ad "urlare" in silenzio! Il mio grazie nei confronti della vita, (sempre generosa nel bene e nel male) e della solitudine comincia 15anni fa dove qualcuno mi ha cambiato il destino.Ma a chi posso raccontarlo? Perchè non esiste nessuno che ascolta le parole di chi davvero ha bisogno, di una mano, di una carezza,perchè ricordarsi sempre dopo. Spesso si dice dopo che l'anima vola in cielo: aveva chiesto aiuto ma nessuno lo ha ascoltato/a? E' pensare cha aiutare una persona a volte può portare ad aiutarne dieci! E' dura essere soli,spesso per avere un cuore buono e non essere spietati! Vorrei dimenticare il momento in cui non pensi più al giorno dopo, vorrei avere la possibilità di regalarle una carezza (mia figlia), vorrei avere possibilità di donarle il mantenimento senza rubare, vorrei evitare di rubare al supermercato per mangiare, vorrei tanto che chi come me, non distoglie mai gli occhi dagli occhi degli altri, fosse risparmiato dal pregiudizio,vorrei avere la possibilità di raccontare alcune verità,vorrei mostrare quanto in realtà posso essere onesto per iscritto,vorrei continuare a sognare,vivere, vorrei sperare di non sentire più la frase "chiedi aiuto", o trovati un lavoro, lo faccio ogni istante! Ma forse le occhiaie non mentono! Vorrei che davvero la vita mi donasse 5minuti di libertà celebrale,vorrei raccontare a mia figlia una favola, regalarle un attimo di me nel futuro,senza farle "sentire" già a 7anni i segni nella sua pelle di un passato già vissuto, vorrei avere la possibilità di mangiare una mela al giorno per dieci giorni consecutivi, regalarmi un sorriso, vorrei ascoltare le bugie della gente davanti ai miei occhi,coloro che strumentalizzano i figli,per capire se la coscienza fa rumore, vorrei ciò che vogliamo tutti,vorrei una casa, un lavoro,vorrei capire perchè? Ma in realtà vorrei solo ciò che merito, e vorrei tanto che tutti avessimo ciò che meritiamo, e io di poveri ma belli ne conosco tanti, vorrei far vivere a chi non merita ciò che apparentemente ha,dieci minuti di tutto ciò che ho io!! ................Io non ho nulla.....ho la strada, il buio a farmi compagnia,un futuro che guardo con i sogni, (sorrido quando sogno.....) vorrei solo riavere la possibilità di sorridere al parco con la mia bimba, e di non sentire più la frase: c'è la farai, trovati un lavoro, dove? Quando? Come? Come si fa? Dove andare? Cado e mi rialzo,cado e mi rialzo, il cuore comincia a cedere, gli occhi non brillano più, il passo è lento,i giorni che passano mi stanno togliendo il gusto di vivere, in una parola,spesso,trovo mille ipocrisie.....nel chiedere aiuto,a volte, si nasconde sempre qualcosa,spesso una verità che nessuno osa ASCOLTARE!.....se qualcuno la volesse giudicare, sarebbe fantastico, altrimenti come farò? E' vero oggi il mondo va male forse per una storia singola non c'è più spazio, forse la vita di una persona vale poco rispetto a ciò che farebbe "audience",gli interessi sono tanti, mi rendo conto che anche la vita o la morte di una bambina,spesso vittima di un mostro a volte poco spazio, i barboni per strada aspettano il gelo per una coperta in più, e per scoprire l'ipocrisia della solidarietà, ma voglio credere che in qualche posto nel mondo qualcuno concederà a me,e ai tanti ricchi artigiani del buio qualcosa che ci faccia sentire per un attimo bambini! O che mi riporti indietro per cercare di deviare il tempo, quell'attimo in cui il mondo si ferma e ti ritrovi condannato! Vorrei dire a coloro che pensano sempre al male che questa è l'unica storia vera che hanno letto,e per un attimo la smettano di esclamare nel modo più barbaro, "passerà","il tempo è dalla tua parte", oppure commenteranno Non ho capito cosa vuole? Io di errori ne ho commessi e se mi ritrovo senza una posizione sociale, lo devo solo alla bontà del mio cuore e alla spietatezza di chi dell"economia occulta" ne fa arte! Sono dovuto andare via dal sud verso una meta migliore, perchè sentivo di non volere appartenere ad un sistema che ho iniziato a scalciare già a 5 anni, e questo l'ho pagato! Perchè nel momento stesso in cui decidi di non far parte di un sistema, scopri quanto lo stesso sia collegato tra le forze del bene e del male! La cosa peggiore e che nel fango ormai non sento più la puzza,ma Intanto mia figlia cresce e quelle poche volte che la sento mi dice "papà voglio stare con te" il mio cuore perde due centimetri di aria e questo è crudele, per me per lei, per i nostri figli!! In ospedale mi dicono che il cuore prima o poi cederà.......ma io penso solo all' Amore di papà, e a risponderle una volta ogni due mesi che la sento: non posso venire perchè papà lavora,e lei dice papà ma quanto lavori? Immensa e dolcissima la sua voce, le sue parole la sua incoscienza non sa che a suo padre un giudice ha detto vai a rubare ma i soldi a tua figlia devi versargli ugualmente, questo è il sistema! O roba da non credere? Perchè chi dice la verità in questo mondo è vittima o carnefice? Cosa farò, stasera domani oltre a cercare di sopravvivere......se le cose da provare per combattere nella vita sono 300....io ne ho provate dieci in più...sono stremato...stanco....e nessuno mi ha regalato una coperta! Facciamo le missioni umanitarie, partiamo dal grande, ma forse anche qui, in ogni angolo delle nostre strade c'è davvero chi non merita un solo attimo di ciò che vive...o che non vive!! Ma vivere è un parolone......sopravvivere una certezza! L'unica colpa di chi soffre e quella di non riuscire a trovare il coraggio di ammazzarsi! Se questa è una colpa....Continuerò a Scrivere,sognare, e forse mettere alla prova coloro che il giorno in cui decidi di farla finita diranno: Ma perchè non ha chiesto "aiuto"? Sto morendo dentro e forse è la morte più dolorosa!! Non andrò mai in giro ad urlare: "Non ho nulla da perdere", perchè non è giusto ma: Se un giorno leggerete questa "inutile" collezione di sillabe, ricordate di aver letto le parole di un cuore buono! Se devo continuare a pagare per questo, Qual'è IL SENSO DELLA VITA? Un inutile attesa verso la speranza, ovvero, un agognante sofferenza perenne!! Saluti da uno stanco di non sentire,quasi, più la stanchezza!! scusate tanto....deleonardismartino@libero.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog