Cerca

SMENTITA DICHIARAZIONE RESE IN CONFERENZA STAMPA DAL DOTT. NICOLA GRATTERI IL 12/02/2012 RELATIVA AL

ILLUSTRE SCRIVO A LEI PERCHE' HO UNA GRANDE AMMIRAZIONE VERSO DI LEI PERCHE' A DIFFERENZA DEGLI ALTRI GIORNALISTI LEI E GARANTISTA ,,, HO INVIATO QUESTA LETTERA A CALABRIA ORA, ALLA GAZZETTA DEL SUD AL QUOTIDIANO DI CALABRIA ECC.. MA SEMBRANO ABBIANO AVUTO PAURA DI PUBBLICARLA ,,,, Io SOTTOSCRITTO AQUINO DOMENICO , porgo alla cortese attenzione le dovute precisazioni in merito alle affermazioni rese dal Dott. Nicola Gratteri durante il corso della conferenza stampa del 12/02/2012 relativa alla cattura del latitante Aquino Rocco e così virgolettata: «Cento uomini per catturare Aquino» Il Dott. Nicola Gratteri afferma che i componenti della famiglia “Aquino” abbiano sporto una denuncia contro la sua persona e contro la Dott.ssa Miranda. Quindi gli “Aquino” avrebbero sporto una denuncia collettiva, cioè si sarebbero mossi come dei consumatori esperendo una sorta di class action di natura penale contro lui e la Dott.ssa Miranda. Beh, illustre direttore, le risparmio tutti i vari commenti e le battute che fisiologicamente potrebbero nascere a seguito di siffatte affermazioni. Ad ogni modo, class action a parte, si contesta fermamente che qualcuno degli “Aquino” abbia mai denunciato il Dott. Nicola Gratteri, né tanto meno la Dott.ssa Miranda; se così non è, invito suo tramite, il Dott. Nicola Gratteri a fornire la prova di ciò che ha arbitrariamente affermato; se è così ben a conoscenza dei fatti il Dott. Gratteri perché non cita espressamente nome e cognome di chi lo ha denunciato? Numero di procedimento, motivazioni per le quali è stato denunciato? Rivolgiamogli questa domanda aspettando con ansia di ricevere una sua improbabile risposta. Dico improbabile perché Il Dott. Gratteri ha già in passato dimostrato insensibilità non rispondendo alle legittime istanze formulate da mia madre in data 16/11/2011, proprio in merito alla condotta da tenersi nel corso delle operazione di perquisizione. Credo che chi tace lo fa o per nascondere qualcosa o perché non sa cosa dire, ma questo ovviamente è solo un mio modestissimo pensiero. Mi auguro che il Dott. Gratteri questa volta ci faccia ascoltare la sua voce, e possibilmente lo faccia evitando di fare la stessa brutta figura che ha fatto, agli occhi di chi sa la verità ovviamente, durante il corso della conferenza stampa relativa alla cattura di Aquino Rocco. Non riesco francamente a comprendere come un Procuratore della Repubblica possa rendere delle dichiarazioni talmente false. Visto che è stato trattato l’argomento in quella conferenza stampa, argomento che proprio lì è il caso di dirlo ci azzeccava proprio come i cavoli a merenda, è giusto che informi tutti quelli che non ne sono al corrente, in primis ovviamente il Dott. Gratteri, di come stiano effettivamente le cose. Ad onor del vero, preciso che è stato denunciato da me, né dagli Aquino né tanto meno da Aquino Rocco o dai suoi congiunti, un solo carabiniere dei cacciatori, solo ed esclusivamente tale Alessandro Romano, non per le insistenze delle perquisizioni, anche perché la frequenza delle stesse non potevano dipendere da lui, ma bensì per determinati specifici fatti costituenti reato perseguiti e puniti dagli artt. 610 c.p. , 590 c.p. e 615 c.p.; fatti che si sono verificati durante lo svolgimento di una perquisizione presso l’abitazione di mia madre. Tutto quello che è accaduto in tale occasione è ampiamente documentato dalle prove che sono state acquisite al procedimento penale che ne è conseguito nei confronti del Romano Alessandro, e che attualmente pende presso il Tribunale di Locri. Si rimarca che la denuncia è seguita solo a fronte del comportamento fuorilegge del soggetto denunciato e non per le perquisizioni subite come si vorrebbe far intendere; io ed i miei familiari abbiamo sempre collaborato durante il corso di tali operazioni di polizia e non abbiamo mai ostacolato il loro regolare svolgimento e, dall’altro lato, gli altri soggetti appartenenti alle forze dell’ordine che hanno sempre mantenuto un comportamento decoroso e rispettoso non sono stati destinatari di alcuna denuncia ad eccezione del sig. Romano Alessandro; e di fatti a seguito di ciò è stata sporta denuncia, ma, non perché, come sostiene il Dott. Nicola Gratteri, tale elemento fosse il migliore, ma solo perché è stato l’unico a tenere un comportamento illecito; se poi violare la legge equivale ad essere i migliori possiamo affermare che l’Italia è piena di eroi e che Romano Alessandro sia uno di essi. Ritengo che un rappresentante dello Stato che agisce con il “codice in mano” deve avere il pieno rispetto della dignità di una persona senza prevaricare sol perché pensa che il portare una divisa lo possa rendere immune e impunito per qualsiasi abuso che egli possa perpetrare. Ebbene all’ennesimo abuso sono stato costretto a sporre denuncia, perché non si può stare zitti, è doveroso che chi non rispetta le leggi venga perseguito sia esso cittadino, appartenente alle forze dell’ordine o alla magistratura. Credo altresì, che il Dott. Nicola Gratteri, che non era presente all’accaduto, dovrebbe quanto meno evitare di commentare, se non altro, per il sol fatto che della vicenda se ne sta già occupando la Giustizia ordinaria, che saprà ben valutare tutti gli elementi che saranno rappresentati. Spesso accade che non si ha il coraggio di denunciare; la gente ha paura, la verità è che si ha paura delle ritorsioni e non si denunciano gli innumerevoli abusi che si consumano ogni giorno da parte di alcune mele marcie appartenenti purtroppo alle forze dell’ordine e, affermo alcune, perché ci sono moltissimi carabinieri onesti, che tutelano i cittadini e ne rispettano i diritti. Mi preme sottolineare che nel momento in cui un cittadino subisce un abuso ha due alternative, o tacere o denunciare. Se si propende per la seconda scelta si agisce nella piena legittimità e non si vede come una denuncia possa essere vista con stupore o come segno di sfida; una denuncia è solo una denuncia cioè il mezzo legale per tutelare una violazione di legge, nulla più di questo, proprio quello che il sottoscritto ha fatto. Chi la biasima porta un cattivo esempio al cittadino che lo ascolta. In questo Stato, taluni magistrati, ripeto taluni, è come se si sentissero intoccabili, come se sapessero perfettamente che la loro forza è talmente ampia a tal punto da poter dire qualunque cosa gli venga in mente rimanendo non solo impuniti ma addirittura con la consapevolezza che nessuno li contraddirà. Ebbene non sempre è così, ogni tanto c’è chi ha il coraggio di rompere il muro del silenzio, c’è qualche cittadino che si stanca di subire e osa dire come stanno le cose e questo brucia, questo non va bene. Perché? In nome della “Giustizia” e dello stato democratico scrivo per dire come stanno le cose. Non solo lo scrivo ma ho le prove di quello che dico. Io non scrivo né libri, non faccio convegni, né tanto meno sono un magistrato con tutto questo potere. Sono solo un semplice cittadino che dice come stanno le cose perché qualcuno si è preoccupato di fare il contrario. Concludo con la convinzione (mi auguro di sbagliare) che la magistratura risponderà a questa lettera non prendendo posizione sui contenuti, che saranno certamente abilmente glissati, ma con l’ emanazione o di un’ordinanza di custodia cautelare o di qualche altro provvedimento che miri a screditare l’immagine di chi ha osato dire come stanno le cose. Spero che lei Voglia pubblicare queste mie precisazioni, ben Consapevole delle sanzioni penali nel caso di dichiarazioni mendaci. IN ATTESA DI UNA SUA CONFERMA le porgo i più distinti saluti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog