Cerca

51% alle Politiche

Questa mia non è una proposta del tipo "bacchetta magica", nessuna può esserlo, ma la riterrei utile. Nei "referendum" questi hanno un risultato ritenuto accettabile solo se ha espresso un voto valido il 50%+1 degli aventi diritto. Perché nelle revisioni costituzionali (che spero alle porte ... ) non si introduce questa clausola anche per le "politiche"? Mi spiego: io cittadino ti voto (:partito, uomo politico, ecc.) se so che hai mantenuto le promesse o quantomeno hai fatto il possibile e l'impossibile per farlo, altrimenti fra le altre possibilità ne ho una micidiale: non vado a votare, e non perché prefersico "andare al mare", ma perché mi hai preso per i fondelli. Conseguenze: 1) le "politiche" vanno come minimo ripetute; 2) costringo i politici alla serietà, a non raccontarmi barzellette in campagna elettorale, a non praticare l'"inciucio" o altre simili nefandezze come regola politica. Mi si dirà: resta l'ingovernabilità. No: resterebbe a governare chi c'era prima, a livelli puramente amministrativi. Finché non arriva qualcuno a prendersi - sul serio - la responsabilità di governare, nel bene e nel male: noi poveri cristi che il senso di responsabilità lo applichiamo in ogni nostro giorno lavorativo pensiamo che "loro", così tanto più intelligenti di noi (!), diverrebbero consci - per amore o per forza -che apprezzeremmo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog