Cerca

la toga non è segno di onnipotenza!

La sentenza del caso Mills che riguardava Berlusconi è un altro esempio della fallita persecuzione che da molti anni il giudice De Pasquale ha messo in atto contro l'ex leader. La storia delle sentenze che hanno sempre dato torto a De Pasquale è ricca, il caso del suicidio di Cagliari, dimenticato in carcere dal giudice perchè doveva andare in ferie, è la dimostrazione più eclatante del lavoro del mafistrato.In altri paesi a costui la Magistratura con la "M" maiuscola, lo avrebbe sanzionato e punito (vedi il caso del potente giudice spagnolo condannato a oltre dieci anni per abuso di potere e altro),il nostro, invece, continua imperterrito ad "amministrare" a modo suo la giustizia inventandosi regole riguardanti la durata della prescrizione e inventandosi anche la data in cui la stessa prescrizione decorre, data che gli doveva servire per allungare i termini a suo vantaggio. Se questa non è persecuzione alla persona di Berlusconi, cos'è? Infine, anni di udienze, intercettazioni, spese legali, processuali e altro ancora, chi li paga? Certamente li paghiamo noi contribuenti. Un consiglio al CSM, levate il giudice dalle aule di giustizia e dategli un incarico con il quale non può creare altri danni all'immagine della Giustizia e a quel poco di fiducia che è rimasta al popolo italiano nei confronti della Magistratura e dei suoi, servitori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog