Cerca

siamo impazziti!

Caro direttore, vorrei porre direttamente a lei la seguente domanda. Premesso che già oggi esiste, di fatto, una netta diversità di trattamento fra dipendenti pubblici e privati (posto sicuro anche a inetti e vagabondi che dipendono dai vari enti statali, regionali, provinciali e comunali, posto a rischio per tutti i dipendenti privati). Non crede e, soprattutto, nessuno si accorge che con questa riforma che si vuol fare il gap diventa vergognoso? perche i dipendenti pubblici possono dormire sogni tranquilli ed io, gia con trattamenti economici già molto più bassi devo vivere nel terrore di perdere il posto di lavoro? Mi potrebbe spiegare dove sta l'uguaglianza del diritto al lavoro fra cittadini? e soprattutto non pensa che si dovrebbe agire soprattutto sul fronte pubblico anche per fare un serio tglio alla spesa pubblica? grazie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog