Cerca

GRECIA FALLITA SUPREMA CORTE DI GIUSTIZIA e PROCURA DI MILANO

Preg.mo Direttore In data odierna 30 Parlamentari (15 del PD e 15 del PDL ) hanno presentato una interpellanza dove si chiede al governo, fra le altre cose, di: "verificare se ci sia stata informazione corretta da parte degli intermediari finanziari e se intende prevedere un apposito fondo di garanzia in favore dei piccoli risparmiatori per assicurare l'integrale rimborso in caso di perdita di valore dell'investimento". Occorre segnalare la tardività di questo intervento: il blitz annunciato a metà febbraio si è concluso il 9 marzo con l'applicazione dello SWAP "VOLONTARIO" (si fa per dire) e la CAC imposta d'autorità. Attraverso questa azione la Grecia, di concerto con le Autorità Comunitarie, la BCE e l' lIF ha RIPUDIATO circa 105 miliardi di euro del Suo debito. L'intervento, pur apprezzabile, dei pochi benemeriti Onorevoli interpellanti E' INSUFFICIENTE. Occorrerebbe, avere più coraggio e rivendicare: - il ripristino dello stato di diritto violato nel principio della "NON DISCRIMINAZIONE" (non partecipazione, diverso trattamento); - il ripristino dello stato di diritto violato nel principio della "PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI" (incomplete e/o false comunicazioni); - il perseguimento con azione di responsabilità di quanti hanno organizzato questo blitz (sono tutti facilmente identificabili); - il perseguimento con azione di responsabilità di quanti nel tempo hanno rassicurato gli Investitori sulla non fallibilità di uno Stato dell'UE Grecia in particolare; - le pubbliche scuse ai Cittadini Europei per aver offeso la loro capacità intellettuale (non siamo cretini); - le pubbliche scuse ai Cittadini Europei per non aver emanato chiare e complete comunicazioni SENSIBILI sulla manovra: ancora oggi non sono noti i tempi di consegna delle nuove obbligazioni né i mercati su cui verranno quotate né il quantitativo minimo trattabile; ancor più grave il fatto che i tassi di remunerazione delle obbligazioni garantite EFS siano stati resi noti dopo la scadenza forzosa e/o imposta facendo venir meno un fondamentale elemento di valutazione) - le pubbliche scuse agli Investitori swappati e/o caccati per averLi OFFESI, avendo pensato e realizzato una conversione con 20 nuove obbligazioni (ciascuna per ogni anno di scadenza dal 2023 al 2042) in luogo di una; si pensi al piccolo con 1000 € nominali: riceverà 20 obbligazioni ciascuna di valore nominale pari 15,75 €, avente valore reale pari a circa cad. 5 €. Per alienare ciascuna di queste saranno necessari 9 € (cad.) di commissioni bancarie (minimo commissionale di mercato): CARTA STRACCIA per il piccolo Investitore ORO per gli Intermediari. Ma potranno Lor Signori giudicare Loro stessi? NO. L'intervento della Suprema Corte di Giustizia Europea sarebbe auspicabile; anche la PROCURA DI MILANO (visti anche i documenti informativi all'emissione della IT0006527532) dovrebbe avere titolo e forse OBBLIGO di intervento: non credo sia necessaria denuncia di parte. Con riferimento alla mia pari titolo di ieri mi permetto segnalare che alla ipotesi di eliminare il provvedimento sul taglio delle commissioni bancarie su crediti e fidi, il Parlamento si appresterebbe, ad eliminare anche quella norma, prevista nel provvedimento sulle liberalizzazioni, che voleva la gratuità dei conti correnti per i Pensionati con meno di 1.500€ mensili. Sollecitando ancora un Suo contributo Le porgo distinti saluti P.S. calcoli basati su presunzioni ed approssimati,salvo errori ed omissioni: le nuove obbligazioni non sono state ancora accreditate né trattate sui mercati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog