Cerca

redditometro

Supponga di avere un figlio che lavora ma vive ancora in famiglia. Che abbia una diesel 1.400 nuova che gli serve per andare al lavoro (e poco più). Ora, possedendo quell'auto di lusso (ad esempio una Punto o una Polo o una Peugeot 207), il fisco gli presuppone un tenore di vita di 18.400 €/anno (per quattro anni) meno un 20% dal momento che vive in famiglia, quindi circa 15.000 €. Col suo lavoro ne guadagna 20.000 lordi l'anno. Quindi tutto a posto. Invece no. Perché vivendo in famiglia non ha spese, se non quelle dell'auto e qualche capo di abbigliamento (è un ragazzo con la testa sul collo, che non va in discoteca, se ne frega dell'iphone, non compra capi firmati, ecc.). Diciamo che spende in tutto 4.000 €/anno. Quindi ne risparmia almeno 12.000. Cosa fa il redditometro? Somma i 12.000 di risparmio ai 15.000 dell'auto e presuppone un reddito di 27.000 €/anno. Da questi toglie il 20%: 5.400. Quindi deve avere un reddito almeno di 21.600. Ma lui ne guadagna 20.000. Quindi è un evasore e non avrà nessun modo per dimostrare di non esserlo, perché è impossibile dimostrare di non aver speso ciò che non si è speso. E' come se le chiedessero di dimostrare di non essere un frequentatore di prostitute (è possibile solo dimostrare che lo è se contrae una malattia venerea, ma non è così che funziona, perché l'onere della prova spetta a lei).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog