Cerca

ROMA: INDECOROSO COMPORTAMENTO DEL SINDACO E ASL PER I CANI RANDAGI CHE VIVONO SULLA COLLINA ALITALI

LO SCANDALO DELLA COLLINA ALITALIA Da tempo la zona della Collina Alitalia è il bosco circostante sono la cornice di una indecorosa, pericolosa e al tempo stesso drammatica situazione. Collina e bosco sono popolati da un grande numero di randagi di ogni tipo. Vi si aggirano animali anziani, malati, femmine con cucciolate, esemplari giovani tutti in cerca di cibo e riparo. Spesso alcuni di loro vengono travolti dalle auto di passaggio o sbucando all’improvviso sulle vie limitrofe rischiano di provocare incidenti. Gli unici a occuparsi di loro sono alcuni volontari di varie associazioni che, nonostante siano ormai stremati fisicamente, emotivamente ed economicamente, raccolgono il maggior numero possibile di cuccioli al fin di trovare loro una sistemazione immettendoli nel circuito delle adozioni dopo avere verificato a loro spese le loro condizioni sanitarie, provveduto a vaccinarli e microchipparli. Purtroppo catturare gli esemplari adulti è impresa quasi impossibile se non si possiede l’attrezzatura idonea. Abbiamo più volte segnalato la gravità della situazione, tempestando di e mail il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, gli Assessori, il Prefetto e le ASL competenti senza ottenere né risposte né soprattutto interventi di alcun tipo. A tale proposito alleghiamo al presente comunicato il testo della lettera fatta pervenire al Sindaco, ai suoi assessori, alle Asl. Secondo la normativa vigente in Italia, gli enti competenti a occuparsi della prevenzione del randagismo e dei randagi presenti sono il Comune e le Asl (troverete tutti i riferimenti agli articoli del Codice Civile, alle Leggi e alle ordinanze in materia di Tutela degli animali nella lettera che vi abbiamo allegato). Siamo stupiti che la Capitale d’Italia, con tutte le sue attrattive turistiche, il suo retaggio culturale e la sua tradizione di civiltà si stia dimostrando in questo caso come la Capitale della noncuranza sia nei confronti degli animali sia, alla luce dei recenti casi di cronaca (come la morte di una anziano a Milano), sia nella tutela dell’incolumità dei cittadini. Ci auguriamo che la gravità di questa vicenda solleciti l’attenzione che merita da parte delle vostra testata. All.to Illustrissimo signor Sindaco di Roma Gianni Alemanno, Ci rivolgiamo a Lei per sollecitare il suo intervento a proposito della gravissima situazione dei cani vaganti nella zona del Bosco e della Collina Alitalia. Collina e bosco sono popolati da un grande numero di cani randagi di ogni tipo. Ci sono animali malati, vecchi, mamme con cucciolate, giovani cani che si aggirano in cerca di cibo e riparo e spesso alcuni di loro vengono travolti dalle auto di passaggio. Gli unici a occuparsi di loro sono alcuni gruppi di volontari che, nonostante siano fisicamente, emotivamente ed economicamente stremati cercano di raccogliere il maggior numero possibile di cuccioli. Catturare gli esemplari adulti è quasi impossibile senza l’attrezzatura idonea. Le ricordiamo rispettosamente che : I cani randagi non dovrebbero vagare sul territorio. le ASL dovrebbero procedere alle sterilizzazioni e il Comune dovrebbe provvedere alla loro cattura e poi al loro ricovero in strutture idonee. Secondo la legislatura vigente, infatti, gli enti competenti a occuparsi del randagismo sono Il COMUNE E LE ASL. Tocca loro rispettare e applicare le leggi italiane in materia di Tutela degli animali. Il Sindaco, in base agli articoli 823 e 826 del Codice Civile, esercita la tutela delle varie specie animali presenti allo stato libero nel territorio comunale. Il Sindaco, in base alla Legge 281/91 e alla L.R.43/95, promuove e disciplina la tutela degli animali d'affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti e il loro abbandono. Le ricordiamo infine l’Ordinanza del 16 luglio del 2009 del Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali secondo la quale , nell’art. 1, è previsto che MANTENIMENTO, GESTIONE, APPLICAZIONE DEL MICROCHIP , VACCINAZIONI e STERILIZZAZIONE dei cani vaganti sia di competenza e di la responsabilità dei COMUNI in collaborazione con le ASL. LA PREGIAMO CON TUTTO IL CUORE DI INTERVENIRE CON LA MASSIMA SOLLECITUDINE A SANARE QUESTA DRAMMATICA E VERGOGNOSA SITUAZIONE . SIA A TUTELA DEI CITTADINI, NON VANNO INFATTI DIMENTICATI I RECENTI E TRAGICI FATTI CRONACA, SIA PER RISPETTARE LA SEMPRE PIU’ DIFFUSA SENSIBILITA’ DEGLI ITALIANI NEI CONFRONTI DEGLI ANIMALI . CI ASPETTIAMO CHE, TUTTI QUESTI CANI, VENGANO RECUPERATI, STERILIZZATI, CURATI SE MALATI, RIEDUCATI E POI INSERITI IN CIRCUITO ADOZIONI. CHIEDIAMO CHE LA CAPITALE D’ITALIA, CON TUTTE LE SUE ATTRAZIONI TURISTICHE, NON DEBBA ESSERE CONSIDERATA LA CAPITALE DELL’INCURANZA NEI CONFRONTI DEGLI ANIMALI, QUESTO DI FRONTE AGLI OCCHI DI CITTADINI E DI VISITATORI CHE ARRIVANO DA OGNI PARTE DEL MONDO; CHIEDIAMO CHE SIA LEI IL PRINCIPALE ESEMPIO DI CIVILTA’ E RISPETTO, PROPOSITIVO DI UNA CULTURA CHE VEDE LA PRIMA CITTA’ D’ITALIA PORTAVOCE DI UN COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN TUTTO IL PAESE!!!! CONFIDANDO IN LEI PER UNA VELOCE SOLUZIONE DELLA VICENDA LA SALUTIAMO CORDIALMENTE Per il Comitato Consultivo Difesa Animali: Vania Simeoni – Presidente Circolo Auser “I Cento Passi” – MIRA VE; Andrea Simeoni – Vice Presidente Circolo Auser “I cento Passi” MIRA VE – Elsa Zenoni BERGAMO – responsabile segnalazioni Auser “I Cento Passi” MIRA VE; Elisa Ongaro Auser “I cento Passi” - Pet therapy- ; Scaggiante Federica Direttivo Auser “I cento Passi” - CLAUDIA PONARA RUBANO VE maltrattamenti - Barbara De Donato - Roberta Montagna Pellicciari – Modena- PRESIDENTE ANIMAL EUROPE EMERGENCY GROUP- salvauncane; Federico Rondinelli Modena ANIMAL EUROPE EMERGENCY GROUP-salvauncane; Ettorina Montagna -Modena; Rossana Ottolini Lecco ANIMAL EUROPE EMERGENCY GROUP-salvauncane; Luigia Parco - Presidente Ass. Gaia Manduria (TA) - MIMMA DELL'ATTI, GENNY SAMMARCO - Manduria (TA) - PRESIDENTE ROSSANA LONGO RIF. FATA - Vice Presidente FRANCESCA SCERBO con il gruppo di volontari: SCARLETT-ANTONELLO- ANNA-FRANCESCO- CLAUDIA-ANTONIO- MARTINA-VALENTINA- STEFANIA SPENA – TINA LOMBARDO –CLAUDIA GERACI – ANTONELLO ARDITO – FRANCESCO FALVO D’URSO – MARTINA COSTANZO TUTTI DEL RIF.FATA LAMEZIA TERME-IRENE CARBONARA PRESIDENTE ASS.NE “IL COLLARINO ROSSO” – RAFFAELLA MERRA ANDRIA “ASS.NE IL COLLARINO ROSSO” – CATERINA PELLEGRINO FILADELFIA CZ - Elisa Bottaro - Chiavari – Elena Gambino Gessate MI –

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog