Cerca

lo stato ostacola i commercianti italiani

Buonasera , le descrivo una situazione che ha dell'inverosimile . Il mercato dell'auto in Italia è notoriamente in profonda crisi e tutte le vetture usate di grossa cilindrata sono praticamente invendibili sul nostro territorio . A darci uno spiraglio sono i francesi e i tedeschied i cittadini dell'est che trovando prezzi bassi , vengono copiosi a portare i loro soldi nel nostro paese ed a risolvere almeno in parte i tanti problemi dei concessionari . E lo Stato che fa? Ostacola in tutti i modi l'esportazione . Mi spiego : in tutta Europa per ottenere una targa temporanea per esportazione con relativa assicurazione occorrono 30 minuti . In Italia : dai 3 ai 10 giorni lavorativi senza contare il dramma per assicurarle ( dai 500 ai 1000€ chiesti per 5 giorni da compagnie italiane )Inoltre la nostra è l'unica motorizzazione al mondo che rilascia targhe di cartone , sì ho scritto esatto : cartone ed anche una sola per la parte posteriore nonostante la legge dica che ogni veicolo deve avere la targa anteriore e posteriore .E non ti azzardare a fare una fotocopia per la parte anteriore : falso di atto pubblico ! I veicoli che vanno all'estero con questa targa possono venire sequestrati per non conformità di targa sia sul territorio italiano che estero .Per non parlare poi del fatto che se un cittadino estero assicura la targa d'esportazione all'estero ecco che inzia la commedia : come una compagnia europea assicura una targa italiana per esportazione ? Ecco le varie risposte avute dalle forze dell'ordine : 1 non l'ho mai vista quindi non va bene 2 targa italiana temporanea per export = assicurazione italiana ( in totale contrasto con la direttiva europea 2009/103/CE) 3 non posso verificarla quindi non è valida 4 una carta verde internazionale può non essere valida per il territorio italiano 5 sei romeno , tunisino , bulgaro , ucraino e non capisci bene l'italiano : sequestriamo e 6 se sbaglio fate ricorso ( tanto se lui ha sbagliato mica paga di tasca sua ma paghiamo sempre noi!) Questa problematica riguarda migliaia di persone di tutte le nazionalità che tutti i giorni subiscono abusi ed alla fine vanno ad acquistare in Germania , Olanda , Belgio e poi ci arrabbiamo se ci chiamano con gli appellativi storici e francamente molto irritanti per noi italiani . E questa è solo una parte del problema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog