Cerca

ECCO IL PROGRAMMA CHE VOTEREI

Gentilissimo direttore, dopo le prossime elezioni dovrà riprendere l’opera riformatrice di un Governo politico. Ecco il programma che voterei. 1) Giustizia: basta con gli sconti di pena e lo scellerato, nonché iniquo buonismo; i delinquenti sono vezzeggiati e coccolati, le loro vittime umiliate e beffate. Tutto il sistema di amministrazione della giustizia va ripensato e ridisegnato dalle fondamenta, perché l’attuale andazzo ci sta inesorabilmente trascinando verso la legge della giungla e verso la tentazione della giustizia “fai da te”. Gli immigrati scontino la pena nei Paesi d’origine. 2) Immigrazione: vanno sigillate le frontiere, con o senza l’aiuto (finora inesistente) dell’Europa, impedendo gli sbarchi, come mi pare facciano, per esempio, Spagna, Grecia, Portogallo e Australia. Perché gli emigranti non attraversano il brevissimo stretto di Gibilterra, scegliendo invece la via molto più lunga verso Lampedusa? 3) Scuola: va controriformata, cancellando le riforme degli ultimi 40 anni. Bisogna recuperare rigore, serietà e anche selettività. E’ preferibile avere asini non laureati che laureati asini. 4) Lavoro: bisogna ridare dignità al lavoro manuale, che ora è aborrito, disprezzato e sottopagato. Non bisogna consentire che l’industria italiana venga smantellata per essere portata all’estero, dove la manodopera costa meno; a tale scopo vedo come male minore l’imposizione di adeguati dazi sulle merci di importazione. 5) Famiglia: bisogna rendere compatibili lavoro e famiglia. La donna deve troppo spesso rinunciare alla maternità perché nell’attuale sistema (che va radicalmente ripensato) allevare figli è un’impresa ai limiti delle possibilità umane. 6) Etica sociale: bisogna stabilire delle regole ispirate all’etica nell’ambito del lavoro e del commercio. Va premiato il lavoro produttivo, che costruisce beni concreti, mentre vanno impedite le furberie di coloro che creano ricchezze sulla carta attraverso giochi di prestigio, inventandosi società camaleontiche e fittizie che si trasformano in scatole cinesi per frodare il fisco e riciclare i soldi delle mafie. Questo tipo di crimine oggi è incoraggiato e tutelato. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog