Cerca

il futuro dell'italia

egregio direttore, mi chiamo diego peraino,ho 30 anni, separato con una figlia di 5 anni. mi permetto di scriverle perche la ritengo il piu autorevole e indipendente dei direttori di testate quotidiane nazionali. Sono molto amareggiato e deluso, non credo piu nel mio paese, nei suoi valori, non sò che futuro posso garantire a mia figlia se oggi la situazione è ben piu grave di quanto l'informazione ne da notizia. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. l'italia è una repubblica democratica,se è cosi, il governo tecnico attuale chi ha deciso di formarlo e darne potere assoluto? l'italia è fondata sul lavoro. non credo che spetti ad un governo tecnico non eletto dal popolo sovrano decidere delle scelte sul piano del lavoro (considerando che saranno in carica a tempo determinato) non è piu corretto che si faccia un referendum popolare per una questione cosi delicata? non voglio fare polemiche, e sopratutto non intendo occupare il suo tempo, ma sono sconcertato per la mancanza di iniziativa per lo sviluppo economico e sociale, l'assoluta indifferenza delle problematiche reali dell'italia mi fa capire che stiamo obbedendo ad un sistema capitanato dai grandi paesi europei, mi rendo conto e capisco che il governo monti sta facendo cio che per decenni i politici non hanno fatto per ovvi motivi di opinione pubblica, ma non mi sembra che il parlamento si stia muovendo per difendere il patrimonio della nazione ovvero il suo popolo. siamo in gravi difficolta, io da 3 anni lavoro a stento,ero funzionario commerciale in una fabbrica importante, ora sono precario ed ho la banca sul collo, pago le tasse e non ricevo alcun beneficio. mi sembra che siano tutti d'accordo e che ala fine elementi come me non servono alla comunitò. il problema non è il futuro degli italiani che tutto sommato sono abili ed esperti nell'arte dell'arrangiarsi, ma e' l'italia che non ha futuro. grazie per l'attenzione, diego

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog