Cerca

Che rispetto merita la mia italia....

Egregio Direttore,Le scrivo perchè da tempo mi faccio questa domanda, che rispetto merita un paese che difende i forti e uccide i deboli?? Le racconto brevemente la mia storia. Nel 2006 sopraffatto dai debiti chiudo la mia attivita di commerciante per varie vicende quali crisi economica, problemi familiari e di salute ecc.... Scopro che il mio commercialista non invia la dichiarazione dei redditi e va be mea culpa, arriva l'accertamento ,porto la documentazione in mio possesso e l'agenzia dell'entrate mi comunica l'importo da pagare che risulta essere 48.000 circa. Fino a qui tutto normale ho sbagliato e devo pagare non discuto. A conti fatti capisco che per me è una cifra insostenibile al momento e quindi con umiltà e sincerità chiedo la possibilità di ridurla intorno ai 40.000 cifra a cui ritengo di poter far fronte ma ovviamente la risposta è un categorico NO non si puo. Allora mi chiedo , io in un certo senso ho evaso lo ammetto anche se per ignoranza mia, ma perchè chi aveva grossi capitali all'estero che ha evaso con intenzione viene graziato con un 5% e io povero contribuente con l'acqua alla gola vengo ucciso... Che differenza c'è tra il ricco e il povero non siamo tutti e due cittadini Italiani ? E perchè il mio paese si piega a 90 contro i forti e uccide i deboli?Quanto avrebbe recuperato dai capitali all'estero che minimo avrebbero subito una tassazione del 45%? Non è mica vero che uno forte può sostenere meglio di me la punizione che merita ? E allora perchè lui viene graziato e io no? Forse sarò stupido e ingenuo ma ritengo che uno stato dovrebbe proteggere i deboli e di fronte ad un errore è giusto che tutti paghino in egual misura. Io ho sempre rispettato i più deboli e uno stato che che li "uccide"non merita più il mio rispetto. Spero di ricevere un suo commento cordialmente la saluto Marco..un povero dei tanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog