Cerca

Articolo 18: ero una fan del CAV.

Egregio Direttore, premetto che sono una fan del Berlusca da quando è "sceso in campo". Ma in questi ultimi tempi sto assistendo ad una politica solidale di Alfano verso questo governo predone, che mi farà giungere non solo a non votare più PDL ma addirittura votare gente come Di Pietro. Mi spiego in maniera dozzinale perche' non posso approfondire. Lo "spread" è stato un attacco della "finanza" al CAV sferrato per disarcionarlo, in realtà quanto stava facendo era in linea. Ma la "finanza" in questo modo si è impossessata della "politica" anti-democraticamente e ha cominciato a trattare la gente nel modo in cui la "finanza" ha sempre trattato l'individuo: ovvero a calci nel sedere, come merce, cosa, parco buoi, con il massimo disprezzo. E, infatti, ha cominciato: pensioni, benzina, iva, irpef: nessuno ha fiatato. Io sempre d'accordo sull' abolizione dell'articolo 18 ora vedo - nella sua abolizione - l'ennesima aggressione all'individuo di questo governo tiranno, appoggiato da tutti i mezzi di comunicazione e le autorità della finanza internazionale, ennesimo atto di disprezzo ed ennesimo schiaffo. Ma chi è Monti? un non eletto, ma chi è Alfano, un altro non eletto (perchè io ho votato Berlusconi), che appoggia un non eletto che sta distruggendo il benessere sociale, quel poco rimasto dopo l'avvento dell'euro. Io dipendente di una grande azienda (in cui quotidianamente la logica della raccomandazione schiaccia la logica del merito) temo che la stessa venga applicata ai licenziamenti: siamo in Italia, conta di chi sei amica e non se sei brava. E questo anche nel licenziamento. E a me, tocca sperare in Bersani e nella Camusso per evitare di perdere anche il posto. Incredibile no? La saluto cordialmente, Eleonora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog