Cerca

Falsi ciechi falsi invalidi

Egregio Direttore Belpietro, leggo, su Libero del 04/04/2012, la notizia Il falso cieco scoperto a usare l’iPad, e qualche pagina prima Boom di ciechi nell’isola greca dei furbi. Penso non ci sia bisogno che spieghi a Lei come è complessa in Italia e faticosa la strada per ottenere il riconoscimento di una invalidità regolare. Mentre per le truffe la musica è completamente differente, ora visto che le commissioni mediche preposte al riconoscimento della invalidità è composta da diversi medici, domando a Lei, ma non sarebbe meglio sbattere in prima pagina i nomi ed i volti di questi medici collusi e corrotti? Il danno che arrecano alle casse dell’INPS è notevole, girando in rete ho trovato questa notizia “INPS e Falsi Invalidi. Un danno (furto o truffa) da 5 miliardi all’anno”, è mai possibile? I criminali in questo caso, secondo il mio pensiero, non sono tanto i beneficiari quanto i corrotti medici che rilasciano referti taroccati ovviamente dietro lauta tangente. Quindi perché lasciare nell’ombra e indisturbato questo esercito di truffatori dello Stato? Per ritornare al caso di Cremona, il furbo ma sventurato Stefano Valenti sputtanato alla grande, ha dietro il suo reato un gruppo di medici che chissà quante altra false certificazioni hanno rilasciato per altrettanti falsi invalidi quindi sarebbe interessante conoscere questi nomi, e finalmente leggo a fine articolo che tale Guiduccia Massolini è sotto indagine a Pavia per aver istruito false pratiche per indennità e malattie inesistenti. Quindi, sbattete in prima pagina questi malfattori e vediamo poi se il fenomeno aumenta oppure tende a diminuire in questa italica fucina di furbetti, per evitare di battere il record dell’isola greca di Zacinto. Cordialmente Disoccupato Over50

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog