Cerca

Eugenismo crudele

Un incredibile articolo del quotidiano danese “Berlingske” sostiene che entro il 2030 la sindrome di Down (trisomia 21) scomparirà in Danimarca grazie alla diagnosi prenatale, che permette di individuare ed eliminare prima della nascita i bambini affetti dalla malattia genetica. «Nel 2030 nascerà l'ultimo bambino Down», questo è il titolo farneticante. E’ chiaro che sarà impossibile eliminare l’imperfezione genetica, quindi non sarà debellata la malattia ma semplicemente saranno abortiti tutti i bambini down. Per eliminare la malattia si elimina la persona e questo è paradossale. E non è detto che si fermino solo alle persone down. In Inghilterra, ad esempio, lo Stato si è spinto anche più in là ritenendo inaccettabile qualsiasi anomalia fisica; la legge infatti consente l'aborto fino al nono mese se il bambino ha il labbro leporino o se ha un dito in più. Chi stabilirà il limite dell’imperfezione ? Siamo in presenza di un violento e crudele eugenismo che, invece di cercare le cause delle malattie e le possibili cure, rinuncia al progresso della medicina. Questa mentalità riporta alla memoria la tragedia del nazismo che si accanì proprio sui disabili con una ferocia inaudita. Anche l’articolo del quotidiano danese sembra parlare di una programmazione studiata a tavolino e attuata per convincere le donne e le coppie ad abortire i loro figli con la sindrome di down. L’accanimento contro queste persone ha una violenza che non trova riscontro per altre disabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog