Cerca

wellcomeback

egregio direttore, sicuramente avrà notato che i sequestri che, grazie a dio, si concludono nel modo migliore lasciano una serie di aloni cibo prelibato per discussioni di vario colore, oggi tutti ci rallegriamo per la liberazione del nostro connazionale e preghiamo per la urru, per i fratelli d'italia in mani ignote, cui aggiungo i marò, ora però vorrei fare una richiesta, non è un caso recente ma quando vi liberano cari compatrioti, e per farlo in un modo o nell'altro s'è pagato, per cortesia, ringraziate chi dovete, salutate a casa, dite che state bene e fine, niente frasi a effetto o cazzate del genere, nessun ''ritornerò in questa terra'' no! volete tornare, fatelo! ma a noi non importa, anzi ci mette i nervi, si sono pagati, forse anche giustamente (chiedo scusa a luttwak), in denaro o concessioni dei terroristi che come tali sono diventati anche leggermente più forti per il vostro sacrosanto rientro e se il vostro primo pensiero è quello di tornare la voglia di chi vi sente è quella di mandarvici, o addirittura di trattare con i terroristi che vi riprendano, per piacere carissimo bosusco, ringrazia l'italia e torna a casa da parenti e amici, vorrai tornare nella giungla, fatti tuoi ma a noi non importa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog