Cerca

Un paese fatato

L'infanzia, le favole...c'era sempre la fatina che magicamente cambiava le cose, il genio che realizzava i tuoi desideri e tu stupito, ti ritrovavi con una casa nuova od una valigia di soldi, non avresti mai potuto dire da dove venivano..era un segreto tra te e quel mondo fantastico...poi mettevi 3 dentini sotto il cuscino ed ecco qualche bonifico. C'era anche il grillo sapiente che sicuramente aveva soluzioni e consigli giusti. E' bello che da adulti, qualcuno ci ricordi e ci permetta di vivere in quel mondo fatato dove tutto può accadere per magia e la vita diventare improvvisamente meravigliosa, ma sarebbe opportuno che ricordasse anche la realtà, quella dove la gente lavora(se può) per sopravvivere dignitosamente, dove faticosamente si raggiunge un "benessere". Nella vita comune ci si accorge sia di 10euro in più che in meno. Promuovere l'accantonamento di capitali che non serviranno a null'altro che speculazioni e fare del lavoro nero l'unica risorsa degli sfigati di turno solo perchè il socio di maggioranza di tutti gli italiani è inaffidabile non mi sembra una grande idea. Non resta che sperare che quel qualcuno, decida di ricordarci anche la favola di cenerentola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog