Cerca

RIFORME : DUE ASPETTI DI PRESUNTA INGIUSTIZIA

Proverò a considerare due aspetti dei punti toccati dalle riforme Monti, che mi sembrano presentare qualche debolezza. Già dalle prime mosse venne stabilito che le pensioni sopra i 1400 euro lordi avrebbero subìto il fermo delle indicizzazioni previste e da sùbito facevo notare l'incongruenza di quei statali(di qualche decennio fa), andati in pensione (15 anni maturati per le donne e 19 per gli uomini), dove presumibilmente, costoro ora si troverebbero in quella fascia pensionistica sotto i 1000 euro netti. Orbene, mi sono chiesto allora, se poteva essere accettabile, a categorie già privilegiate, con prospettiva di pensionabilità sui "50 anni"...godere anche di "indicizzazione"? In questi termini non pare una bella anomalia? Seconda considerazione...anche qui, nulla di personale. IMU : con il caso di quell'anziano con proprio alloggio che decide di ritirarsi in casa di riposo e che il Fisco ha deciso di trattare "come seconda casa". Perchè? Se si entra in un ospizio, presumibilmente, verrà pagata una "retta"...che non corrisponde ad un acquisto e che nel tempo e per assurdo potrebbe pure essere lasciata per un ritorno all'abitazione principale. Se per motivi di salute si va a svernare altrove, lasciando l'abitazione questa rimane "prima casa". Sembra essere di fronte a sfumature che colpiscono dolorosamente...anche qui...le persone più deboli. Dovrà esistere qualche diavoleria che consentirà queste anomalie? A qualche esperto la risposta. Saluti. Angelo Mandara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog