Cerca

IMU IN TRE RATE

Spett.le Direttore, Il Pd mostra avversità alla proposta del Pdl di consentire ai cittadini di dilazionare in tre rate il pagamento dell'Imu, mostrando invece preoccupazione su come se la caverebbero i comuni che impiegherebbero più tempo per incassare la tassa. Sinceramente, mi pare più preoccupante pensare a come faranno i cittadini a pagare l'Imu. Forse qualcuno ha la convinzione, che la casa di proprietà, sia sinonimo di uno status di pieno benessere. Se da una parte è ovvio che essere proprietari dell'immobile in cui si vive sia molto meglio che pagare un affitto, forse ci si dimentica che non sono pochi quelli che la casa se la stanno pagando con un mutuo e con estremi sacrifici, in questo caso tra l'altro si paga l'Imu per una casa che sulla carta è ancora di proprietà della banca fino all'estinzione del mutuo stesso. Preoccupante anche il concetto che qualcuno ha dell' imprenditoria. Le aliquote da applicare alle attività economiche sono tra le più alte, in alcuni casi se mettiamo a confronto l'importo che le aziende pagavano di Ici prima e di Imu ora si vede purtroppo come la nuova tassa si avvicini in molti casi al doppio della prima. Facile a parole dire che bisogna aiutare le imprese che sono in difficoltà a causa della crisi, ma poi dalle parole bisogna passare ai fatti e concretizzare i propositi, ma se questo è l'aiuto forse è meglio essere ignorati dalla politica. Colpa del governo centrale, ma anche dei comuni che con la scusa della crisi economica giustificano qualsiasi neffandezza infierendo su alcune categorie. Esistono già alcune tasse che lasciano al cittadino la scelta su come pagare ovvero se in un unica soluzione o in due rate, un' Imu in tre rate mi pare il minimo da attuare per venire incontro alle esigenze dei cittadini. La distanza tra chi legifera e il mondo reale mi pare tremendamente abissale. Cordiali saluti, Loris Dall'Acqua Poggio Berni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog