Cerca

LA DONNA NELLA NUOVA POLITICA (2^ PARTE)

Essendomi permesso l'auspicio di un maggior numero di "Signore donne" nelle varie istituzioni politiche della Nazione, in quanto quasi totalmente assenti dal quadro della corruzione e da tutto il "negativismo" della politica che si vorrebbe veder sparire...al mio scritto articolato...mi "appunta" l'ottima Isabella Bossi Fedrigotti del CorSera, che, a chiosa, cita il recente caso di Rosy Mauro, che al mio intento finale poteva considerarsi la ciliegina, non voluta, della trattazione, con esclusione volontaria del caso...(ma se volessimo, "burlescamente" invertire il nome in "Mauro Rosy"?). O ricordare proverbi come : "una rondine non fa primavera"? Oppure : "l'eccezione conferma la regola"? Ricorda niente quella "disperata" seduta da lei condotta,in Senato, il 20 dicembre 2010 e su cosa avrebbero mai potuto pensare i passati presidenti Merzagora e Fanfani? Perchè,poi, non buttarla in un ipotetico e salvifico "alla Berlusconi" e...vissero tutti felici e contenti... (quando non si vuol pagare dazio) già, ma un macabro burlesque che vede raccontato un (mussulmano) Gheddafi che regala abiti da monaca all'Amico cristiano? Ma tornando al tema...sempre più convinto di un maggior credito alla donna in politica (per tutte le note qualità che la distinguono), pur che non siano nella scelta dell'ex premier. Saluti. Angelo Mandara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog