Cerca

" ESODATO ? DISOCCUPAT0 ? SFIGATO ? SONO IN CRISI D’IDENTITA’ "

Sono un EX LAVORATORE AUTONOMO. Dal 1990 Consulente (con Partita IVA ) per Finanziamenti ordinari e Agevolati c/o una sede della Conartigianato, nel 2009, per mancanza di Lavoro (crisi finanziaria 2008 ) e motivi di salute (tre ernie lombari e attacchi di panico), ho cessato l'attività e chiuso la partita IVA. Avevo compiuto 61 anni: - il Sindacato mi conteggiava una pensione, a 65 anni di 1.250 euro circa (tra periodo di dipendente bancario, con calcolo retributivo e versamenti nella famigerata "GESTIONE SEPARATA") - Avevo venduto un appartamento ereditato e con il ricavato ero certo di arrivare ai 65 anni ARRIVA LA FORNERO: - La mia pensione scenderà a 800 euro (con il contributivo) - Andrò in Pensione a 67 anni e 6 mesi (6 mesi in più dei dipendenti perchè come Autonomo c'è la presunzione di Colpevolezza) - NON RIUSCIRO' A MANTENERE ME E LA MIA FAMIGLIA FINO AD ALLORA. Ma non dovrebbe essere la mia (63,5 anni) l'età della serenità ? E invece penso sempre di più al suicidio, sarei una persona in meno, in famiglia, da mantenere. Dov’è finito il progetto originario di permettere il Pensionamento prima dei 67anni anche se con penalità? NON sarebbe stata la soluzione per molti DISPERATI come me? RAGAZZI, CERCATE IL POSTO FISSO, FATEVI RACCOMANDARE MA CERCATE IL POSTO FISSO. CARO MONTI, CARA FORNERO, VI LIMITATE A DISTRUGGERE TUTTO CIO’ CHE TOCCATE PUR DI FARE “CASSA” SENZA AVERE UN ANTIDOTO PER I DANNI CHE FATE

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog