Cerca

una sgommata e via

Caro Direttore, se c'è un simbolo inviso a tutti gli italiani, al netto degli utilizzatori si capisce, sono le auto blu. Le vediamo sfrecciare ad alta velocità in città, sulle corsie preferenziali, fermarsi in divieto di sosta, a volte in contromano. Sembrano quasi sorridere e parlarci. Il blù ? E' il colore del privilegio e chi usa queste auto appartiene ad una classe a parte, classe che non è obbligata a rispettare le regole. " Noi portiamo a spasso una classe speciale " , sembra che ci dicano, " una classe nominata dall'alto che non fa parte dello stesso ceppo umano vostro. Non ci importa di quello che voi, popolino, pensate nè ci preoccupa quello che farete. Fra poco la nostra schiera aumenterà di 400 unità ordinate dalla presidenza del consiglio. E pensare che dovevamo essere ridotte, lo aveva detto anche Monti. Invece saremo sempre più forti e numerose, tanto noi la benzina non la paghiamo e per noi questa è la vera riduzione dei costi ". E sgommando ci salutano lasciandoci sempre più con l'amaro in bocca. Umberto Brusco Bardolino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog