Cerca

LA GERMANIA CI INVADE PER LA SECONDA VOLTA

Gentilissimo Direttore, mi permetto di esprimerle un mio pensiero che vorrei divenisse oggetto di riflessione per molti. Sul suo giornale di Ieri, ho letto con mia solita consuetudine, il suo articolo in cui risaltava il fatto di smetterla di essere cosi rimessivi e sottomessi ai tedeschi. Fermo restando il nostro rispetto per le persone di qualunque patria, credo che noi Italiani stiamo commettendo un grosso errore morale e ideologico, nel farci mettere sotto dal governo tedesco. Durante la seconda guerra molti giovani italiani sono rimasti uccisi per difendere la patria e l’onore del paese. I tedeschi hanno invaso le nostre citta, le hanno distrutte, hanno fatto versare lacrime a bimbi innocenti e persone indifese. Era la guerra è siamo d’accordo! Ma rimane il fatto che abbiamo pagato con delle vite di giovani Italiani un’indipendenza e libertà che nessuno dovrebbe sovvertire. Abbiamo voluto essere noi stessi, lottare, cadere e rialzarci come sapevamo e potevamo fare, ma sempre desiderosi di essere ITALIANI! Perché, ora, illustre direttore, dobbiamo permettere al governo tedesco di comandarci, di farci fare i compiti a casa, di dirci quanto e come dobbiamo tirare la cinghia. La Merkel ha trovato una maniera di versa per invaderci per la seconda volta e per la seconda volta ci toglie la dignità. Da quanto sembra i conti della Germania non sono cosi idilliaci eppure nessuno ne parla! Poi, gentilissimo direttore, se siamo nella comunità europea comandi un governante della comunità e un governo della comunità, non un uomo e una donna che dettano tempi e andatura nel teatro di questa processione alla morte lenta di italiani spenti e traditi. Perdoni i miei errori, ma mi farebbe piacere che lei mi concedesse l’onore e il privilegio di rendere pubbliche queste mie parole come soddisfazione al patimento a cui sono sottoposto pur facendo il mio dovere, come imprenditore Italiano. GIUSEPPE LOMBARDO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog