Cerca

L'aumento della accise sui carburanti, potrebbe mettere in ginocchio l'intero Paese.

Il prezzo della benzina e del gasolio ad aprile è aumentato, su base annua, del 20 per cento. Il carburante nella sua continua corsa senza sosta ha raggiunto livelli record . E’ il più caro d’ Europa. Ad esempio in Francia la benzina quota 1,64 euro a litro ed il gasolio è aumentato in un anno di 10 cent, arrivando “solo” a 1,45 euro. Mentre in Italia la benzina ha raggiunto punte poco al di sotto dei due Euro! Gli aumenti dei carburanti provocano a cascata l’aumento dei prezzi al dettaglio dei beni di prima necessità. Tutto costa di più e non è un’impressione. L’Istat comunica che il “carrello della spesa” ad aprile è rincarato del 4,7%. Si registra anche una significativa diminuzione dei consumi dei beni alimentari. Ciò sta ad indicare che per difficoltà economiche molte famiglie sono costrette a risparmiare anche sul “cibo”! Pertanto l’ aumento delle accise non ha sortito gli effetti sperati alle casse dello Stato per la conseguente riduzione dei relativi consumi. Così gli aumenti dei carburanti si fanno sentire sulla recessione. Il mercato dell’auto ha chiuso il primo trimestre con – 21% sul primo trimestre 2011 contro il – 7,8% del mercato europeo. L’ eccessivo carico fiscale, a partire dalle accise sui carburanti, potrebbe mettere in ginocchio l'intero Paese. Angelo Ciarlo angelociarlo@hotmail.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog