Cerca

I PASTICCI E I FALSI RISULTATI DELLA SINISTRA ITALIANA

Ho letto il post del sig. giglio sull'art. 18, e sono pienamente d'accordo ma io vorrei andare anche olte l'at. 18 A mio parere la sinistra del comunismo, ha lottato agli inizi per obiettivi sociali giusti, l'errore è stato quando per aumentare i voti e il potere, ha esagerato, tanto paradossalmente da annullare i benefici ottenuti; in pratica quando si fà una legge bisogna guardare più in là del risultato immediato, va vista in proiezione del futuro; oggi stiamo pagando gli errori commessi dai politici che non hanno pensato alle conseguenze delle leggi che promuovevano, perciò consiglierei di non entusiasmarci troppo ogni volta che i politici fanno grandi proclami, affinchè questi proclami non si trasformino in grandi danni che poi noi andremo a pagare. Alla fine degli anni '60, diciamo pure nel famoso 1968, l'ideologia comunista cominciò a minare seriamente lo stile di vita italiano basato molto sul cardine del cristianesimo e vado ad elencare i pilastri che cominciò ad eliminare. Il primo che ricordo è il numero di figli che avevano le famiglie, troppi secondo i politici che tirarono fuori la pianificazione familiare, meno figli per ogni famiglia perchè altrimenti sembrava che gli italiani fossero un popolo che come i conigli non sapevano far altro che figli; da qui la crescita di anticoncezionali come la pilllola, il diaframma, fino all'aborto. tanto che per l'appunto questi metodi ovviamente contestati dalla Chiesa, furono sponsorizzati non a caso dalla sinistra. Oggi i figli li andiamo a comprare all'estero!!! La canzone “contessa” di Pietrangeli, dice che i contadini vogliono far studiare i loro figli, come se fare il contadino fosse un mestiere poco edificante, (l’altra sera nel film sapore di mare dice a un giovane che studia filosofia: adesso tutti fanno i filosofi e nessuno sa riparare un rubinetto) adesso tutti studiano poi non trovano lavoro inerente la laurea; era poco edificante seguire le orme del padre, come è finita? È finita che i sindacati hanno ottenuto l’eliminazione dell’apprendistato, un apprendista appena assunto guadagna quanto un operaio di esperienza e nessun artigiano si può permettere più gli apprendisti e adesso se uno vuol imparare un mestiere deve pagare delle false scuole che rilasciano attestati con cui non ci si fa niente e tantomeno si impara davvero, così sono finiti tanti mestieri e adesso compriamo tutto all’ikea che è un’azienda straniera Poi i sindacati hanno ottenuto tanti diritti per i lavoratori, arrivando quasi al diritto di essere pagati senza lavorare e oggi nessuno assume più con queste leggi, tantomeno lo stato e tantomeno la sinistra vuole assumersi la responsabilità di leggi da lei stessa create. Poi la storia degli affitti ad equo canone che fissava dei prezzi irrisori, grande entusiasmo per la legge che ha provocato un rifiuto da parte dei proprietari di affittare, quindi si è poi proceduto all’affitto libero, dalle stelle alle stalle insomma, dopo aver ottenuto la popolarità con l’equo canone e un discreto numero di elettori, la sinistra se ne sbatte del problema casa e anzi quelle comunali che ha le dà ai rom Giuliano Amato nel ’92 in funzione dell’europeizzazione ha cominciato ad elargire pensioni ai parenti di lavoratori extracomunitari ultrasessantacinquenni che non avevano mai pagato una lira di contributi, poi Prodi ci ha portati in europa e ahimè Tremonti continua a tenerci lì anche perchè a lui probabilmente piacerebbe fare il presidente del consiglio europeo e ci arriverà a nostre spese. la sinsitra ci ha fatto una capa tanta che gli extracomunitari ci portano cultura, dimenticando che l'italia è la generatrice della cultura del rinascimento che poi è la chiave della scienza e della cultura moderna. sempre la sinistra ci dice che dobbiamo curare gratis mezzo mondo così la sanità ci osta un mucchio di soldi perchè alle nostre strutture chiunque bussi, meno che gli italiani poveri, ottiene tutte le miglori cure disponibili, paghiamo sempre noi cittadini ovvio arrivando ai giorni nostri c'è la moda del turismo!!! adesso tutti stesi a pelle di leone a tappeto per i turisti: ah buttiamo fuori gli italiani per far posto ai turisti, perchè loro pagano, buttiamo fuori gli artigiani dal centro delle città che i loro antenati hanno costruito, i proprietari buttano fuori inquilini che pagano l'affitto da anni perchè gli americani pagano di più, ma la colpa non è la loro è la politica mirata ad arraffare soldi facili fregandosene del futuro italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog