Cerca

a proposito di continuità territoriale

Gentile Direttore, la manovra fiscale in atto colpisce anche il settore dei trasporti aerei già pesantemente penalizzato, purtroppo qualcuno ha pensato di relegare l'utilizzo dell'elicottero solamente a una nicchia di persone particolarmente facoltosa senza considerare altri aspetti probabilmente sconosciuti ai fautori della nuova tassazione. Come Le sarà sicuramente noto, Air Panarea opera nelle isole Eolie con base a Panarea da dodici anni, si occupa principalmente di transfer passeggeri assicurando il collegamento con la Sicilia e gli aeroporti del Meridione, apportando quel plus valore nei servizi che spesso si è dimostrato decisivo nella scelta dei visitatori particolarmente esigenti Il progetto per il quale ci siamo in questi anni prodigati è finalizzato, dopo la realizzazione di elisuperfici eco-compatibili con il territorio, ad una continuità operativa atta ad istituire un servizio di linea a costi contenuti. Grazie al sostegno del Sindaco Mariano Bruno che ha sempre appoggiato l'iniziativa, siamo riusciti a realizzare sull'isola di Panarea un gioiello di elisupeficie regolamentare, certificata ENAC al volo notturno, provvista di Decreto Istitutivo Antincendio.L'infrastruttura è talmente inserita nell'ambiente circostante che è stata pubblicata in varie riviste del settore per la perfetta integrazione nel contesto circostante. Ad oggi, nell’ organizzare un soggiorno alle Isole, permane sia da parte dei tour operator che del turista occasionale una sorta di smarrimento nell’affrontare le difficoltà del viaggio e spesso, trovandosi davanti all’incertezza offerta dai mezzi tradizionali, rinunciano per mete più organizzate. Bellissime e accoglienti nei mesi estivi, le Isole Eolie si trasformano durante l'inverno in luoghi inospitali e spesso inaccessibili; quando le condizioni meteorologiche sono proibitive gli abitanti delle isole sono costretti a rimanere isolati per diversi giorni. Grazie alla celerità negli spostamenti che il mezzo favorisce, la presenza dell’elicottero ha agito da catalizzatore nella scelta da parte di turisti occasionali di recarsi alle isole e questo dimostra, che l’istituzione di un servizio di collegamento rapido e sicuro stimolerebbe l’afflusso di visitatori anche nel periodo invernale, quando il collegamento con i mezzi tradizionali è decisamente ridotto e pregiudicato dalle condizioni meteo-marine. Non è da sottovalutare l’interesse dimostrato in questi anni da parte dei residenti che per assicurarsi la mobilità dalle isole per improrogabili impegni, spesso erano costretti ad anticipare la partenza e la possibilità di fruire del trasporto aereo, seppure oneroso, ha rappresentato comunque una preziosa alternativa. La nuova tassazione prevede l'aggiunta di una imposta indiscriminata di euro 100,00 a persona per le utenze che utilizzano l'elicottero per i loro spostamenti sotto i 1.500 km di tratta e 200,00 euro per le tratte superiori. In termini pratici, relativamente all'attività che ci compete, per i residenti di Panarea che durante l'inverno rimangono isolati a Lipari e che fruiscono dell'elicottero per tornare alle loro abitazioni, il costo che normalmente era di 70,00 /75,00 euro a passeggero, da ora ne dovrebbero spendere 170,00/175,00 euro, praticamente la tassazione supera il costo del volo! Per un abitante di Lipari per raggiungere Milazzo o viceversa, invece di 167,00 euro o 100,00 a seconda di come si riesce ad ottimizzare il volo, ne dovrebbe spendere 267,00 euro o 200,00 euro. Paradossalmente, un passeggero che utilizza un volo privato per la tratta Milano/Boston pagherà l'esosa tassa di 200,00 euro oltre i 35.000,00 del costo del volo... Nel settore turistico di un certo livello, già in difficoltà per l'incipiente crisi, assisteremo ad un'ulteriore defezione, la presenza della mobilità aerea è stata determinante come descitto poc'anzi, nella scelta dei visitatori e di nuovi acquirenti d' immobili nelle isole eolie i quali non dimentichiamo, producono un'indotto economico di valore per l'economia dell'arcipelago, dall'edilizia al pescivendolo. Non voglio entrare in merito all'applicazione dell'imposta ma ritengo che un giusto distinguo e relative deroghe debbano essere menzionate, nella fattispecie, considerato il contesto sociale/produttivo, sollevare da tale incombenza le Società che hanno sede o operano nelle isole minori poichè assicurano il principio della continuità territoriale. A tal proposito si ringrazia il Senatore Raffaele Ranucci che ha manifestato la problematica nel dibattito al Senato del 23 Aprile con Presidente il Senatore Luigi Grillo e di seguito riportata con relativo parere: Il senatore RANUCCI (PD) ritiene che l'imposta erariale sui voli dei passeggeri di aerotaxi di cui al nuovo articolo 3-sexies, inserito dalla Camera dei deputati, non dovrebbe essere applicata alle tratte elicotteristiche di collegamento con le isole minori, in quanto queste garantiscono il rispetto del principio della continuità territoriale e costituiscono un elemento importante per lo sviluppo turistico di tali realtà. PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE SUL DISEGNO DI LEGGE N. 3184-B La Commissione, esaminato per quanto di propria competenza il disegno di legge in titolo, esprime parere favorevole, osservando che, al fine di garantire il rispetto del principio della continuità territoriale, sarebbe necessario escludere dall'applicazione dell'imposta erariale sui voli dei passeggeri di aerotaxi, di cui al nuovo articolo 3-sexies, le tratte elicotteristiche di collegamento con le isole minori. Non voglio dilungarmi ulteriormente in questa scandalosa ed estemporanea misura adottata dal presente Governo ma di certo, l'ideatore non ha preso in considerazione molti altri fattori sicuramente più importanti di un'idea che ha esclusivamente un aspetto propagandistico mediatico. In effetti questa tassa riduce maggiormente la già, ahimè, esigua richiesta che la crisi ha colpito il settore e dietro alle Società di Helitaxi e Aereotaxi già pesantemente vessate da tasse, addestramenti e corsi "obbligatoriamente inutili" ci sono altre figure denominate, usando un termine tecnico, "cittadini Italiani" quali: Imprenditori, Piloti, Tecnici, segretarie ecc. Tutti con rispettive famiglie a carico. Cordialmente. Lorenzo Vielmo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog