Cerca

“QUANDO LE ISTITUZIONI E I CANDIDATI A SINDACO DI PALERMO NON DANNO RISPOSTE E QUINDI, DOPO L’AFFAI

Egr. Sig. Direttore, le invio una nota che da novembre u.s. preannuncia una ulteriore crisi occupazionale per 2.800 precari stabilizzati al comune di Palermo a carico del bilancio dello Stato ma la denuncia e caduta nel silenzio e “forse” non è gradita. “QUANDO LE ISTITUZIONI E I CANDIDATI A SINDACO DI PALERMO NON DANNO RISPOSTE E QUINDI, DOPO L’AFFAIRE soc. in liquidazione GESIP (1.800 unità), UN’ALTRA TRAGEDIA OCCUPAZIONALE ANNUNCIATA E SENZA RISPOSTA” (mancano nel bilancio dello stato per l’anno 2012 e successivi €. 55 milioni per i lavoratori stabilizzati a Palermo). Premesso che con precedente corrispondenza e per ultima la nota prot. 2338/11/a.p. del 7/11/2011 Sono state chieste alla precedente A.C. rassicurazioni sulle garanzie occupazionali dall’anno 2012 e successivi (verifica ex post della copertura finanziaria degli interventi assegnati in finanziaria) per tutti i 2.800 soggetti appartenenti all’ex bacino Palermo Lavoro e Consorzio Palermo Lavora che hanno sottoscritto contratti di stabilizzazione in forza dello stanziamento nazionale di €. 55 milioni; Premesso, altresì, che la stabilizzazione è avvenuta a fronte di uno stanziamento di €. 55 milioni a carico delle risorse preordinate nel Bilancio dello Stato con decorrenza dal 2009 e per gli anni 2010 e 2011 “in forza di specifiche normative (L. 244/2007 commi 550 e 551, D.L. 207/2008 convertito in L. 14/2009, art. 41, comma 16-terdiecies, D.P.C.M. 5/6/08 e 1/08/08, D.L. 93/08 convertito in L. 126/08 e succ. modif., D.L. 5/09, art. 7/ter, c. 21, convertito in L. 33/09)”; Visto quanto relazionato dal Sig. Dirigente Coordinatore del Settore Risorse Umane, nella Relazione allegata al Bilancio dell’Ente: “la convenzione per il processo di stabilizzazione (sottoscritta in data 16/04/09 prot. 14/0006499 e con durata fino al 2011) non indica alcuna scadenza ma soltanto una diversa procedura per l’individuazione delle risorse da parte del Ministero del Lavoro. Fino al 2011,stanziamento di €. 55 milioni a carico delle risorse preordinate nel Bilancio dello Stato. Secondo la convenzione, dall’anno 2012 si provvede ai sensi dell’art. 11, comma 3, lett. d) della Legge 5 agosto 1978, n. 468 e successive modificazioni. Lette le Leggi n. 42/09 (transizione verso il federalismo fiscale), n. 196/09 (legge di contabilità e finanza pubblica che all’articolo 51, decreta “l’abrogazione della Legge 5 agosto 1978, n. 468”) e n. 214 del 22/12/2011 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 2011, n. 300) di conversione del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (c.d. salva Italia) Tit. III Capo VIII –esigenze indifferibili- art. 30, comma 8 bis; si desidera sapere: 1) se dalla Finanziaria 2012 sia presente lo stanziamento che permetterà il trasferimento delle risorse, per il tramite della Regione Siciliana al Comune di Palermo, ai sensi della Convenzione del 16 aprile 2009 n. 14/0006499 (€. 55 milioni da destinare ai lavoratori ex bacino Palermo Lavoro e Consorzio Palermo Lavora per l’anno 2012 e successivi); 2) se l’introduzione delle manovre correttive che rimodulano i fattori legislativi operanti con Legge di bilancio (L. 42/09 “realizzazione pratica del Federalismo fiscale in Italia”, della L. 196/09 “che sopprime la Legge 468/1978” e Legge 22 dicembre 2011, n. 214), forniscano la garanzia della continuità dello stanziamento finanziario necessario alla prosecuzione delle procedure di stabilizzazione e se garantiscano la tranquillità occupazionale per tutti i lavoratori stabilizzati dal Comune di Palermo con la conseguente stabilità del tessuto sociale dall’anno 2012-2014 e per il miglioramento contrattuale con la conseguente ricaduta positiva sui servizi alla Collettività.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog