Cerca

Ci sono suicidi.... e suicidi!

Vero è che "La livella" di Totò ci insegna che davanti alla morte siamo tutti uguali e non esistono morti di serie A e serie B, ma per me vi è una differenza abissale tra l'imprenditore che si suicida perchè per anni non ha pagato le tasse, i contributi INPS, INAIL, etc, etc, "mangiandosi" i soldi, facendo la "bella vita", comprando auto, ville, barche e vestiti firmati, e adesso Equitalia gli ha presentato il conto "con gli interessi", e il disoccupato, il precario, il lavoratore a nero, l'operaio che ha perso il lavoro a 50 anni o il pensionato che con 600 euro al mese non sa dove sbattere la testa che decide di farla finita! Chiamatemi cinico, ma a me dell'imprenditore DISONESTO che si ammazza non frega nulla: io sto coi secondi!!!!!!!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog