Cerca

Equitalia

Caro Direttore, sono settimane che tutti i giornali ed i servizi dei TG mettono alla gogna Equitalia facendola passare come una sanguisuga e affamatrice del popolo: ma qualcuno mi sa dire cosa centra questa struttura dello Stato? È come se si perseguitassero i postini o le società di recapito della corrispondenza perché ci vengono consegnate le multe o i decreti ingiuntivi. Da una parte si piange da anni sulla vastità della pletora di evasori poi si perseguitano quelli che cercano di stanarli e si demonizzano le azioni di chi è chiamato a far rispettare le leggi. Non sarebbe più intelligente modificare le leggi e le regole date a Equitalia se si vede che non sono giuste? Certo non tutte le persone di questa Società saranno all’altezza di condurre un corretto rapporto con i cittadini; è anche vero che spesso i dipendenti pubblici si pongono con strafottenza con chi gli sta di fronte e, visto i compiti chiamati a svolgere, non escludo che alcuni di Equitalia possano arrivare ad un vero e proprio “delirio da onnipotenza”, è altrettanto vero che non sono rari gli errori che portano alle cosiddette “cartelle pazze”, ma non è un motivo per additare al pubblico disprezzo tutta la struttura: si intervenga piuttosto contro chi sbaglia! Nei giorni scorsi trapelava dalla stampa quasi un invito ai Comuni a disdire gli accordi con Equitalia e provvedere a creare proprie esattorie: ma perché, queste nuove strutture (=moltiplicazione dei costi) faranno degli sconti? O ci sarà qualcuno in ogni Comune che deciderà chi deve pagare, chi no, chi a rate, chi con le more, ecc…? Leggo oggi le reazioni sul web alla notizia di una bomba molotov alla sede Equitalia di Livorno e mi sembra di vivere in un mondo di matti che esalta queste follie come il mezzo ideale per portarci ad un futuro migliore …. A questo ci ha portato la “democrazia” decantata da tutti da 67 anni? Per vivere in democrazia non basta evocare solo la parola, bisogna darsi delle regole giuste e serie per applicarla e delle strutture in grado di farle rispettare a tutti quelle regole. Renzo Marini Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog