Cerca

A proposito dell'Annunziata

Caro Direttore, trovo inaccettabile che i media persistano nel concedere spazio a deliranti personaggi quali Sergio Segio e simili. Il diritto di espressione sarà pure fondamentale in uno stato di diritto ma non deve essere consentito a tali figuri di moraleggiare su temi che tuttora travagliano la coscienza della nazione. Il rischio di contagio e di inquinamento morale è sotto gli occhi di noi tutti dato che, senza alcuna vergogna, sono tuttora in cattedra in servizio permanente effettivo cattivi maestri e firmatari di spregevoli appelli ( Presidente Leone, Calabresi, Battisti etc..) sempre disposti a spargere zizzania. Non posso condividere l’opinione dei novelli pompieri, Sofri, Annunziata, Pace e di tutti questi reduci, sul tema del terrorismo. Non ne hanno titolo. Loro che quando avrebbero dovuto usare la testa hanno dimostrato di aver capito poco o niente, incuranti delle conseguenze. Quelli, che poi hanno dovuto tenere duro in fabbrica e su ogni posto di lavoro, portano ancora i segni delle ferite nel corpo e nell’anima; e sono i fortunati sopravvissuti. Altri amici e colleghi non ce l’hanno fatta. Il pudore dovrebbe impedirgli di esprimersi ancora dopo essere stati sconfitti dai fatti e dalla storia. Ritengo che la stampa ed i media debbano, al contrario, infliggere loro l’unica punizione da essi paventata, il silenzio dell’indifferenza. La loro tumulazione virtuale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog