Cerca

Avrei voluto sgarbi

CAro direttore, Sgarbi apostrofava il trio Medusa, che lo intervistava, con frasi offensive, ma senza scadere nella retorica e nel moralismo spicciolo, anche molto divertenti. Il buon Vittorio gridava “culattoni raccomandati”, e di sicuro il mondo ne è pieno. Però quando si parla di raccomandati ci permettiamo di farci girare i cosìddetti specialmente quando si usurpano ruolo e posti che spetterebbero solo seguendo la via della meritocrazia. Se qualcuno di voi si è offeso perché ho scritto “culattoni”, vi dovreste mettere in piedi sulla sedia di fronte alla sfrontatezza del Commissario tecnico Cesare Prandelli che ha deciso di integrare il proprio staff portando al suo interno il figlio Niccolò. Non solo per questo ma perché l’uomo del codex etico e morale, ha voluto subito mettere le cose in chiaro riguardo la “convocazione” del figlio adducendo che: “Ho dovuto scegliere delle nuove figure, si tratta di persone valide a livello professionale: una è mio figlio, ha le caratteristiche e conosceva i miei collaboratori. Potrò passare un mese con lui, auguro a tutti di poter lavorare con i propri figli se hanno qualità", dice il CT. E su quello che potrebbe pensare la gente la risposta è secca: "Non ho pensato a eventuali polemiche, e ciascuno può pensare quello che vuole". Ora mi duole dirlo ma cito anche Mourinho e chiedo "Porquè"? Porquè nessun giornalista si è alzato in piedi e ha detto a Prandelli: “Ciascuno può pensare quello che vuole? E allora io penso che la dovete far finita di prenderci per il…. Va bene, italianizzo questa frase, dovete smettere di prenderci in giro. Porquè l’etica e la morale vale solo per gli altri e mai per gente come Prandelli e Abete? Porquè si permette di dire: “Ciascuno può pensare quello che vuole”, senza che nessuno ribatta? Allora lo dico io quello che penso: Penso che Prandelli non abbia rispettato i valori etici e morali di cui tanto parla. Penso che il figlio sia solo l’ennesimo caso di raccomandato. Penso che in un contesto storico come l’attuale sarebbe stato opportuno scegliere un’altra figura al posto del figliol raccomandato. Penso che in quella conferenza stampa avrei voluto vederci Vittorio Sgarbi gridare: “Culattoni raccomandati” .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog